“Bullizzato” da dieci mesi, abbandona la scuola e si rivolge ai carabinieri: indagato il suo “aguzzino” 17enne

Altre Notizie

Le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano

di Redazione Scandiano La mattina del 27 gennaio le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano. Prima della commemorazione ufficiale, il sindaco Matteo Nasciuti ha lucidato la pietra d’inciampo dedicata a Guglielmo Corradini, antifascista e partigiano scandianese deportato e ucciso a Mathausen, in piazza Spallanzani. Con lui anche un parente di Corradini, Luca Basenghi, con la figlia […]

La Rocca di Scandiano in rosa per onorare il Giro d’Italia

di Redazione Sport Mancano 100 giorni alla partenza del Giro d’Italia 2023, qualcuno in più alla prima storica partenza di tappa da Scandiano, il 16 maggio nella frazione che condurrà i ciclisti a Viareggio. Nella serata del 26 gennaio l’amministrazione comunale ha dato appuntamento davanti alla Rocca a tutte le ciclistiche scandianesi per dare ufficialmente il […]

Condividi

di Redazione #Carpi twitter@modenanewsgaia #Cronaca

 

L’ultimo episodio risale a qualche giorno fa, quando un quindicenne è stato aggredito da un ragazzo poco più grande di lui, nei pressi di un parco di San Possidonio. Il ragazzino, che aveva raggiunto il paesino per incontrare un suo amico, è stato accerchiato da una decina di suoi coetanei; uno di loro, diciassettenne, gli si è avvicinato e l’ha colpito con dei pugni sul volto e sulla nuca, poi gli ha strappato il cellulare e l’ha scaraventato a terra, spaccandoglielo, tra l’indifferenza generale.

L’adolescente ha dunque chiamato i carabinieri per chiedere aiuto e così una pattuglia lo ha raggiunto, accompagnato a casa scoprendo che il ragazzo è vittima di scherno e violenza dall’inizio dell’anno scolastico. A settembre, difatti, inizia a frequentare un istituto superiore della bassa ed è proprio lì che incontra il suo “aguzzino”: un ragazzo poco più grande di lui che lo prende di mira insultandolo per il suo aspetto fisico e altro, gli strappa lo zaino di dosso, e disperde i suoi libri e quaderni per strada, strattonandolo e facendolo scendere dall’autobus, viene poi picchiato, minacciato e deriso lungo i corridoi. Il tutto spesso in presenza di altri compagni, fino a gennaio, quando il ragazzo, oramai esasperato, si confida con la madre che si precipita a parlare con una professoressa.

Il giovane aveva maturato anche la decisione di lasciare la scuola, limitandosi ultimamente ad assistere a qualche lezione online. Il diciassettenne identificato dai Carabinieri di Carpi dovrà rispondere di atti persecutori, violenza privata e danneggiamento dinanzi al Tribunale per i Minorenni di Bologna.

 

(15 giugno 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0

0
0

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: