13.1 C
Sassuolo
15.4 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Sassuolo. “La nostra aula non ha più pareti”, non vuole dire nulla ma fa titolo

Insomma tanta obsoleta prosopopea per una normale programmazione teatrale per l'infanzia che non è certamente una rivoluzione copernicana [....]
HomeNotizieA Scena Aperta. In Paggeriarte il passato, presente e futuro del Teatro Carani

A Scena Aperta. In Paggeriarte il passato, presente e futuro del Teatro Carani

Inaugurerà venerdì 15 settembre, a partire dalle ore 18,30 in Paggeriarte (piazzale Della Rosa) la mostra dal titolo “A scena aperta. Passato, presente e futuro del Teatro Carani”. La mostra, a cura di Roberto Valentini e Federica Benedetti, è organizzata da Fondazione Teatro Carani con il supporto del Comune di Sassuolo e Proloco Sassuolo, e rientra nel programma del FestivalFilosofia 2023.

Le fotografie di Fabrizio Ceccardi illustrano il passato glorioso del Carani, un presente che lo vede coinvolto in un’imponente opera di ristrutturazione che, in un futuro ormai prossimo, lo restituirà alla città come uno dei teatri più moderni e funzionali della Regione.

“Il teatro Carani – sottolinea il Sindaco di Sassuolo Gian Francesco Menani – rappresenta un patrimonio storico, artistico e culturale per la nostra città: non tanto, o non solo, un contenitore ma il vero e proprio fulcro della vita sociale cittadina per quasi un secolo. Un gruppo di illuminati imprenditori sta portando a termine un’operazione che rimarrà nella storia: dopo averlo rilevato lo stanno ristrutturando con le più moderne tecniche, per poi donarlo alla città; a tutti loro va il più sentito ringraziamento da parte di tutta la comunità sassolese. Al momento di pensare ad una mostra in grado di arricchire ulteriormente il già straordinario programma del FestivalFilosofia, è venuto naturale pensare al nostro teatro, attraverso un allestimento che sapesse rinverdire i fasti passati senza tralasciare il presente e guardando ad un futuro che, tutti, ci auguriamo altrettanto glorioso. Obiettivo raggiunto grazie allo straordinario lavoro di Fabrizio Ceccardi e dai curatori Roberto Valentini e Federica Benedetti, e reso possibile anche grazie a quello straordinario patrimonio, dal valore tanto culturale quanto enciclopedico, che ci ha lasciato in eredità un Roberto Costi anima e cuore del Carani sino alla sua scomparsa ed a cui, in questo momento, va il nostro pensiero”.

La mostra è stata promossa e organizzata dalla Fondazione Teatro Carani.

“La Fondazione – nelle parole del suo presidente Claudia Borelli – nasce nel gennaio del 2020 con l’obiettivo di acquisire la proprietà del Teatro Carani per donarlo alla città, dopo averlo ristrutturato valorizzandone il patrimonio immobiliare, culturale, artistico, musicale, tecnico e professionale. Da allora, gran parte di questo percorso è stato compiuto e siamo ormai vicini alla riapertura.  Siamo certi che a breve la cultura sassolese, della quale il Teatro Carani è sempre stato il centro di gravità, ritroverà nuovo slancio, riportando musica, prosa, cinema, spettacolo nella nostra città, coinvolgendo cittadini, associazioni, scuole. Accogliamo quindi con piacere la mostra fotografica “A scena aperta” di Fabrizio Ceccardi, che abbiamo organizzato con il sostegno del Comune di Sassuolo e l’impegno di alcuni sassolesi che gratuitamente si sono attivati per la sua realizzazione. Una parte del ricavato della vendita delle fotografie e del catalogo contribuirà a una più ricca programmazione degli spettacoli. Ci auguriamo che tanti cittadini contribuiscano a sostenere e amare il teatro di tutti noi sassolesi”

Dopo l’inaugurazione, il 15 settembre alle ore 18,30, la mostra “A scena aperta” sarà presente e visitabile in Paggeriarte fino al 31 dicembre.

 

 

(2 settembre 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



FIORANO MODENESE