15.6 C
Sassuolo
22.3 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità

CRONACA

Pubblicità

FIORANO MODENESE

EMILIA-ROMAGNA

HomeBolognaAlberto Garutti a Bologna: “Che cosa succede nelle stanze quando le persone...

Alberto Garutti a Bologna: “Che cosa succede nelle stanze quando le persone se ne vanno?”

Pubblicità
Iscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione Bologna

Opus novum, la commissione di un’opera inedita da presentare negli spazi della fiera, rivolta a un artista italiano affermato, nel 2023 andrà a un maestro riconosciuto: Alberto Garutti. Oltre al valore dell’artista, la scelta intende celebrare il suo legame con Bologna, città dove Garutti, all’inizio degli anni Novanta, teneva la cattedra di Pittura all’Accademia di Belle Arti, imponendosi già come punto di riferimento per una generazione di artisti più giovani.

Il titolo dell’opera è Che cosa succede nelle stanze quando le persone se ne vanno? e consiste nell’applicazione di uno strato di vernice fosforescente a una serie di arredi di uso comune – panche, tavoli, sedie, cassettiere – che si trovano nei padiglioni della fiera, sia negli spazi comuni che negli stand delle gallerie. A malapena distinguibili dagli arredi ordinari alla luce del giorno – la vernice ha un colore paglierino pallido, poco diverso dal bianco originario – gli elementi su cui l’artista è intervenuto si illuminano al buio; ma in quel momento, come suggerisce il titolo dell’opera, le persone se ne sono già andate, e non possono vederli. Questo paradosso è al cuore dell’opera. Nella didascalia estesa che la accompagna, l’artista ne parla in questi termini:

Mentre il Padiglione di Arte Fiera chiude, si spengono le luci e i guardiani se ne vanno, alcuni dei mobili (sedie, panche e tavoli) già presenti nell’arredo della fiera e distribuiti in tutto lo spazio espositivo si illuminano perché dipinti con una pittura fosforescente. Questi oggetti, ordinari e quotidiani, si mimetizzano nell’ambiente circostante, tanto da non essere riconosciuti come arte. Il pubblico non li vedrà se non come semplici oggetti d’arredo. Solo nella fotografia pubblicata altrove, considerata vera parte integrante di questo lavoro, sarà possibile vedere i mobili illuminati.

Viene modificata così la percezione che il pubblico ha dell’opera: essa si può solo immaginare, pensare, aspettare. È in questa tensione immateriale che si svela la natura del lavoro: l’opera si realizza solo nell’incontro con lo spettatore, a cui si chiede un paziente sforzo nel cercarla. Che cosa succede nelle stanze quando le persone se ne vanno? fa parte di un ciclo di opere dallo stesso titolo la cui prima intuizione risale al 1993, ed è legata proprio a Bologna. Si tratta di Opera per camera da letto, tutt’ora installata nella camera 402 del Palace Hotel di Bologna, dove Garutti alloggiava abitualmente quando insegnava pittura all’Accademia di Belle Arti della città.

L’intervento concepito da Alberto Garutti per Arte Fiera è il più vasto mai prodotto finora in questo ciclo di opere. L’intuizione originaria di Opera per camera da letto si manifesta di nuovo a Bologna, trent’anni dopo, su una scala senza precedenti: i padiglioni di una fiera. L’opera è realizzata col supporto di Henoto, azienda leader nel settore degli allestimenti.

 

Alberto Garutti
Che cosa succede nelle stanze quando le persone se ne vanno?
1993-2023
Pittura fosforescente, mobilio, dimensioni ambientali
Spazi comuni e stand di Arte Fiera 2023

 

 

(25 gennaio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



Comune di Sassuolo
forte pioggia
16 ° C
18.6 °
15.6 °
71 %
7.8kmh
55 %
Ven
18 °
Sab
24 °
Dom
23 °
Lun
23 °
Mar
25 °

LEGGI ANCHE