10.7 C
Sassuolo
11.1 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità

CRONACA

Pubblicità

FIORANO MODENESE

Libri per la scuola di arabo di Fiorano Modenese

Donati dal Rotary di Sassuolo per i 70 studenti dell’attività didattica portata avanti dall’associazione “L’alba degli angeli”, provenienti da tutto il distretto ceramico [....]

Il mistero del liceo classico

EMILIA-ROMAGNA

HomeLa ProvocazioneCon tutto il rispetto, ma chi vuoi che voti una coalizione che...

Con tutto il rispetto, ma chi vuoi che voti una coalizione che non c’è?

di Giovanna Di Rosa

E alle Comunali 2023 successe che il miracolo della moltiplicazione dei voti e dei Sindaci non ci fu. Orrore, morte, disperazione e sgomento. Ne vince uno di Sindaci, e poi un altro. A Vicenza e a Trapani. Tutti e due con il nuovo corso miracolistico affidato a Schlein (per impallinarla meglio), hanno poco a che fare. Il vicentino l’ha gentilmente pregata di non farsi vedere durante la campagna elettorale, perché i vicentini sono troppo conservatori per una simile progressista. Insorsero gli sconfitti. Troppo accentratrice, decide da sola, fa tutto lei. Succede che spesso i segretari di partito facciano quella roba lì, ma non è indecente pensare che i peones se ne accorgano solo quando il partito perde. Ma una domanda da cretina vorrei rivolgerla anche io: potete davvero aspettarvi un miracolo da una segretaria che sta aspettando l’occasione più propizia come si aspettava Godot e che non ha detto cosa avrebbe fatto prima e non lo dice ora? Se in Italia vincono le coalizioni, come insegna la destra più orribile del dopoguerra si può anche solo ipotizzare che qualcuno voglia votare una coalizione che non c’è? E una coalizione come si costruisce, sui programmi o dicendo di qua e di là che “da soli non si vince”? Basta gridare ai diritti LGBTIQA+ per creare un consenso? Non so e non capisco, ma che son cretina l’ho già scritto prima.

 

 

(30 maggio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


LEGGI ANCHE