E poi il ristoratore sassolese si dissocia da “Io Apro” e dà una lezione di civiltà… Chapeau! (e video)

Altre Notizie

Supporto alla genitorialità, a Bologna attivo un nuovo sportello di consulenza educativa anche per adolescenza e preadoloscenza

di Redazione Bologna È attivo da alcune settimane il nuovo sportello di consulenza educativa rivolto a genitori e adulti di riferimento di adolescenti e preadolescenti promosso da Asp Città di Bologna in collaborazione con il Comune. L’iniziativa, realizzata con il contributo per lo sviluppo e la qualificazione dei Centri per le famiglie e per le […]

Rapina in un supermercato a Bologna

di Redazione Bologna Nel pomeriggio dello scorso 5 dicembre 2022, l’equipaggio di Volante del Commissariato di San Giovanni in Persiceto ha eseguito l’arresto nei confronti di una donna straniera di circa 40 anni per una rapina avvenuta all’interno del supermercato IN’S sito alle porte di San Giovanni in Persiceto. La donna era stata sorpresa dal […]

Meloni è stanca delle “critiche alla manovra”, insomma con le critiche non ce la fanno

di Giovanna Di Rosa La presidente del Consiglio è “stanca delle critiche” alla manovra e trascina Palazzo Chigi sulla pericolosa soglia del come si permettono che è sempre un pessimo segno. Se ci sono critiche ci sono criticità evidentemente, dunque piuttosto che insofferenza sarebbe bene manifestare umiltà, perché chi la bicicletta se l’è cercata poi la bicicletta […]

Condividi

di Paolo M. Minciotti, #IlSassolino

E nello sconsiderato bailamme romano nel quale, e per la seconda volta, non ci vengano a dire che non si poteva immaginare o che qualcuno non lo sapeva, si sono infilati quelli di Casapound e Forza Nuova, con bombe carta e tutto ciò che già si è visto e scritto, si alza – delusa, triste, sconfortata, ma tanto profondamente umana – la voce di Antonio Alfieri, ristoratore sassolese tra i fondatori di “Io Apro” che racconta, con un video che pubblichiamo in basso, dove averlo già pubblicato in questo articolo, le ragioni del suo “Non ci sto più”.

Un Alfieri che con semplicità e umanità, con la fierezza della coerenza che tanti non si sognano nemmeno di mettere in pratica, dice “basta”, che ciò che è successo in piazza non doveva succedere, che lui è un imprenditore; dice con fermezza: “Che io che mi debba mettere contro le Forze dell’Ordine…” e poi, senza dirlo esplicitamente, che ciò che voleva era giustizia, era poter manifestare in libertà e in civiltà per poter negoziare riaperture e ristori giusti e dovuti. Non scappare da bombe carta.

Si guarda spesso dietro le spalle mentre gira il suo video, Antonio Alfieri, e lascia così, come vedrete, lasciandoci la fierezza di poter dire che persone tutte d’un pezzo esistono ancora (Sindaco Menani, impari…).

Chapeau ad Antonio Alfieri. Si può sempre imparare qualcosa.

 

 

(14 aprile 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: