23.3 C
Sassuolo
27.2 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità

CRONACA

Pubblicità

FIORANO MODENESE

EMILIA-ROMAGNA

HomeIn Evidenza"Entro 2025 perderemo 38.667 medici", Magi (Sumai) lancia l'allarme: "subito investimenti sul...

“Entro 2025 perderemo 38.667 medici”, Magi (Sumai) lancia l’allarme: “subito investimenti sul personale”

Pubblicità
Iscrivetevi al nostro Canale Telegram

“Entro il 2025 perderemo fisiologicamente 14.493 medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, 3.674 specialisti ambulatoriali, 20.500 dirigenti medici per un totale di 38.667 medici senza contare i prepensionamenti, le dimissioni volontarie e i medici che emigrano all’estero”. Lo ha dichiarato il segretario generale del Sindacato Unico Medicina Ambulatoriale Italiana e Professionalità dell’Area Sanitaria, Antonio Magi, in occasione del 55° congresso nazionale del Sumai Assoprof.

L’evento, dal titolo Specialistica ambulatoriale. Quale futuro: pubblico o privato?, è in corso a Roma presso l’Hotel Villa Pamphili e si conclude giovedì 12 ottobre.

“La sensazione di abbandono che provano oggi i medici dopo il Covid, come tutto il personale sanitario, e la scarsa attenzione alla manutenzione del Servizio sanitario nazionale- ha proseguito- sta portando molti medici e professionisti della sanità, soprattutto quelli più giovani ma non solo, a cercare strade alternative per vivere la loro professione con meno burocrazia, più sicurezza, migliore retribuzione e migliore organizzazione. Se non ci saranno subito investimenti seri e decisivi sul personale sanitario- ha ammonito- la sanità pubblica italiana che conosciamo oggi, anche se in crisi, dal 2025 rischia di saltare realmente poiché, come abbiamo visto mancheranno quasi 39mila medici tra dimissioni volontarie, prepensionamenti, concorsi pubblici che vanno deserti, mancanza di sostituti per la specialistica ambulatoriale”.

“Sempre più aree carenti per la medicina generale, sempre più medici che scelgono di lavorare nel privato, in cooperative o di andare all’estero da dove arrivano proposte economiche che permettono qualità di vita nettamente migliori” – ha continuato Magi, sottolineando come in Italia si continuino a “proporre ancora le stesse ricette che sanno più di ideologia che di concretezza è una scelta suicida con un esito ampiamente prevedibile’.

Secondo il segretario generale del Sumai Assoprof appare ormai “necessaria una riforma del percorso formativo” che potrebbe essere strutturata, ad esempio, “dai primi 4 anni teorici uguali per tutti, seguiti poi da 4 anni di formazione specialistica pratica o come medicina generale o come specializzazione in una specifica branca della medicina a cui seguono 3 anni, facoltativi, di super specializzazione attraverso master universitari. In questo modo – ha concluso- non si avrebbero più camici grigi ma una formazione medica completa per entrare nel Servizio sanitario nazionale. Questo richiede ovviamente una seria programmazione nei numeri dei posti e delle specialità”.

 

 

(10 ottobre 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Comune di Sassuolo
nubi sparse
23.1 ° C
23.6 °
20.9 °
79 %
1.8kmh
61 %
Ven
34 °
Sab
30 °
Dom
18 °
Lun
26 °
Mar
21 °

LEGGI ANCHE