Il politico leghista ai domiciliari e i festini con coca e prostitute minorenni a Bologna

0Shares

di Redazione #Bologna twitter@bolognanewsgaia #Maiconlalega

 

E’ una roba seria che se confermata esploderebbe in tutta la sua enormità. Sei gli indagati, un imprenditore in carcere e ai domiciliari il candidato leghista in Emilia Romagna e sostegno di Borgonzoni la favolosa, non eletto, notissimo negli ambienti della pallacanestro felsinea. E’  Luca Cavazza, 27 anni, politico leghista già con Forza Italia a 23 anni, noto per la sua visita sulla tomba di Mussolini e post su Facebook al seguito: “Tutto quello che fu fatto non potrà essere cancellato. A noi!”.

Agli arresti domiciliari anche Fabrizio Cresi. L’imprenditore Davide Bacci, invece, è in carcere, sulla base dell’ordinanza del gip Letizio Magliaro e delle richieste del pm Stefano Dambruoso. E’ nella sua villa, scrive Repubblica che cita la ricostruzione dell’accusa, che si sarebbe tenute vere e proprie orge con cocaina e prostitute minorenni. Insomma non male per l’esponente di un partito che ha accusato di pedofilia un intero paese e un intero partito.

Tutto è partito dalla denuncia di una madre che aveva intercettato dei video nel cellulare della figlia. Gli indagati, ai quali auguriamo di essere estranei alla vicenda e risultare innocenti, sono difesi tra l’altro dagli avvocati Gabriele Bordoni e Giovanni Voltarella.

 

(2 settembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: