19.6 C
Comune di Sassuolo
venerdì, Settembre 17, 2021
HomeNotizieLa Lega "condivide le sofferenze del terziario", ma solo a parole. In...

La Lega “condivide le sofferenze del terziario”, ma solo a parole. In Consiglio respinti tutti gli emendamenti dell’opposizione

di Redazione, #Sassuolo

 

L’amministrazione condivide le sofferenze del settore terziario, ma solo in teoria. Nel consiglio comunale del 25 gennaio scorso è stato presentato un ordine del giorno di sostegno agli operatori economici (bar, ristoranti, palestre, ecc.), da parte  del centrodestra, che si è rivelato essere una semplice dichiarazione di solidarietà.  Noi invece abbiamo fatto proposte concrete,  migliorative all’odg , come la  riduzione della Tari, affinché  possano essere sostenuti in modo reale  tutti gli operatori del terziario che risentono degli effetti della pandemia. Sempre nel rispetto delle norme governative, come chi governa una città ha il dovere di fare. Ma invece nell’ultimo consiglio comunale  Sindaco e capogruppo della Lega , compresa tutta la maggioranza, sostengono senza affermarlo, lasciandolo intendere, la campagna #ioapro senza considerare che essa contesta le normative governative in difesa della salute pubblica. E, soprattutto, l’amministrazione sembra dimenticarsi di   tutte quelle attività che pur in grave difficoltà continuano a rispettare le normative e ad affidarsi anche alla mediazione delle categorie di riferimento per la contrattazione con Regione e Governo. La giunta partecipa alle manifestazioni di piazza, ma se c’è da “arrotolarsi le maniche e lavorare” per conseguire iniziative reali a supporto delle imprese  locali non lo fa: non riduce la Tari (ciò che abbiamo proposto come opposizione), non promuove il bando per il sostegno ai pubblici esercizi di somministrazioni di alimenti e bevande aperto della Camera di Commercio con risorse della regione Emilia-Romagna, come abbiamo suggerito; decide di non accogliere neppure il suggerimento di mappare le attività maggiormente in difficoltà, soprattutto  quelle presenti nelle aree frazionali e periferiche, per poi predisporre interventi possibili e mirati.

Non si può votare un ordine del giorno che si limita a dichiarazioni di principio, di vicinanza e sostegno:  occorre mettere in campo azioni concrete per sostenere gli operatori economici e supportare davvero, con degli aiuti reali, chi cerca di lavorare nel rispetto delle regole. I nostri emendamenti non erano in contrasto con lo spirito dell’ odg presentato dal centrodestra, ma rafforzavano l’impegno del Sindaco e della giunta: sono stati respinti. Ancora una volta un odg di sole chiacchiere senza sostanza.

Così un comunicato di Mimma Savigni, capogruppo PD in consiglio comunale.

 

(26 gennaio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 




POTREBBERO INTERESSARTI
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: