La Memoria unico vaccino contro l’indifferenza

Altre Notizie

Tra pietre d’inciampo e cimitero ebraico. Scandiano celebra il Giorno della Memoria

di Redazione Scandiano Verrà celebrato come di consueto il 27 gennaio il Giorno della Memoria, appuntamento internazionale dedicata alle vittime dell’olocausto, anche a Scandiano. Venerdì 27 gennaio, infatti, un ricco programma attende gli scandianesi. In un’iniziativa, organizzata dal Comune di Scandiano, in collaborazione con Anpi Scandiano, al Cimitero Ebraico nel parco Lazzaro Padoa di Scandiano, nell’ambito […]

Camplus Go Home!, da Bologna contro chi approfitta della crisi abitativa e specula sul bisogno di una casa

di Redazione Bologna Oggi abbiamo fatto visita al Camplus Living di Piazza Malpighi, sede di alcuni dei molti appartamenti in gestione a Camplus a Bologna. CAMPLUS GO HOME è il chiaro messaggio che abbiamo voluto lasciare, per dire che non è il benvenuto a Bologna chi specula, guadagna e approfitta della crisi abitativa attuale per […]

Condividi

di Redazione Sassuolo

Si svolgerà venerdì sera, 27 gennaio in occasione della “Giornata della Memoria”, a partire dalle ore 20,45 in sala Biasin, la tavola rotonda organizzata dall’Associazione Culturale Biasin sul tema: “La Shoah raccontata ai bambini. La memoria: unico vaccino contro l’indifferenza”. La serata avrà come focus il mondo della scuola, dei ragazzi e dei loro insegnanti.

La riflessione sulla Shoah a scuola mira alla formazione di una coscienza consapevole sui principi fondamentali dell’uguaglianza degli esseri umani e dei diritti della persona nella prospettiva di una educazione permanente delle future generazioni. La tavola rotonda mira a fornire spunti di riflessione e suggerimenti utili ad affrontare il tema della Shoah con i ragazzi, senza la pretesa di esaurirne la complessità ma al contrario di fornire un ventaglio di possibilità.

Relatori della serata condotta da Claudio Corrado saranno Barbara Bergami, dottoressa in storia contemporanea; Mauro Pifferi, avvocato, Silvia Moreali, nipote del dottor Giuseppe Moreali dichiarato “Giusto tra le Nazioni” dallo Yad Vassem per aver contribuito al salvataggio dei ragazzi di Villa Emma di Nonantola; Simonetta Mariani, docente di scuola primaria e autrice del libro “Un nonno di Nome Giuseppe” dedicato proprio a Giuseppe Moreali.

Una iniziativa lodevole in un mondo dove la politica si arroga il diritto di dividere in buoni e cattivi a seconda del colore della pelle, della religione e dell’essere migrante economico o no.

 

(23 gennaio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: