24.6 C
Sassuolo
25.1 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità

CRONACA

Pubblicità

FIORANO MODENESE

EMILIA-ROMAGNA

HomeGenova CronacaLa Polizia di Stato rinviene armi, divise e cocaina al “CEP”. Un...

La Polizia di Stato rinviene armi, divise e cocaina al “CEP”. Un arresto e una denuncia a piede libero

Pubblicità
Iscrivetevi al nostro Canale Telegram

Nella mattina del 28 settembre, la Polizia di Stato ha arrestato in flagranza dei reati di detenzione abusiva di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacente, un italiano, classe 1967 di origine lombarda, da tempo residente nel capoluogo ligure.

A seguito di una serie di segnalazioni da parte della cittadinanza in merito a situazioni di illegalità diffusa all’interno del quartiere situato nel ponente cittadino sono stati predisposti dei servizi di monitoraggio della zona da parte del personale della Squadra Mobile della Questura di Genova. In particolare alcuni movimenti anomali hanno fatto nascere il forte sospetto che all’interno di alcuni appartamenti, in particolare in quello dell’arrestato, potessero essere nascosti stupefacenti o armi. Si è quindi proceduto ad effettuare una perquisizione che ha consentito di rinvenire in una cantina, di cui l’uomo negava inizialmente l’esistenza pur possedendone le chiavi, tre fucili calibro 12 (di cui due con canne mozzate), svariato munizionamento, e una pistola semiautomatica di fabbricazione ungherese cal. 7,65. All’interno di un borsone sono stati inoltre sequestrati indumenti riconducibili alla Polizia di Stato (divisa, pantaloni, berretti e buffetteria) che avrebbero potuto consentire di fingersi poliziotti. La perquisizione è stata inoltre estesa presso un box, nel comune di Mele, nella disponibilità dell’uomo ove erano occultati 7 involucri, confezionati in sottovuoto, contenenti 800 grammi di cocaina purissima e un bilancino di precisione.

Sulla scorta del quadro indiziario così raccolto, e fermo restando il generale principio di non colpevolezza fino a sentenza passata in giudicato, l’uomo è stato arrestato e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, associato presso il carcere di Marassi in attesa dell’udienza di convalida dinnanzi al G.I.P.

Verifiche sono in corso in merito alla provenienza delle armi e delle divise ed al loro eventuale utilizzo in episodi criminali del passato.

foto Polizia di Stato

Nel medesimo contesto venivano effettuate ulteriori perquisizioni all’interno del “CEP”. In particolare veniva perquisita un’abitazione non poco distante dall’appartamento dell’arrestato e venivano rinvenute 16 munizioni di vario calibro; motivo per il quale il proprietario dell’appartamento, italiano classe 1958, veniva denunciato a piede libero per la loro abusiva detenzione.

Informa un comunicato stampa della Polizia di Stato.

 

 

(30 settembre 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservate, riproduzione vietata

 





 

 

 



Comune di Sassuolo
cielo coperto
24.6 ° C
24.8 °
23.4 °
48 %
1.8kmh
100 %
Sab
23 °
Dom
21 °
Lun
19 °
Mar
21 °
Mer
26 °

LEGGI ANCHE