11.1 C
Sassuolo
15.4 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Sassuolo. “La nostra aula non ha più pareti”, non vuole dire nulla ma fa titolo

Insomma tanta obsoleta prosopopea per una normale programmazione teatrale per l'infanzia che non è certamente una rivoluzione copernicana [....]
HomeNotizieL'artista Luciana Vassena dona un'opera all'Ospedale di Sassuolo

L’artista Luciana Vassena dona un’opera all’Ospedale di Sassuolo

Un quadro per l’Ospedale di Sassuolo che vuole essere un dono e un atto di riconoscenza verso tutti i sanitari, per l’attenzione riservata alle persone ricoverate, e insieme un gesto di gratitudine per la cura che la struttura sanitaria ha sempre dimostrato nel saper “accogliere” l’arte. A omaggiare l’ospedale è la pittrice di Castellarano Luciana Vassena con la sua opera “Germoglio”, un olio su tela di 90×80 cm di stile surrealista. Il dipinto è stato istallato all’interno della sala d’attesa dell’Area Gialla, dedicata alla chirurgia breve.

“Un gesto emozionante – spiega il Direttore Generale, Stefano Reggiani – che racconta quanto sia fondamentale nel percorso di cura la capacità di entrare in relazione coi pazienti e i loro familiari. Grazie alla pittrice Vassena la nostra struttura diventa più accogliente e gradevole, un aspetto non deve mai essere sottovalutato e che, grazie l’impegno pluriennale di VolontariArte, l’ospedale ha sempre coltivato”.

Vassena, che ha fatto parte del gruppo di pittori del Centro Studi Muratori, è nata in Sardegna. A Modena è arrivata nel 1968. Ha lavorato, per un breve periodo, come decoratrice nel mondo della ceramica, per dedicarsi poi alla pittura. Ha esposto, sia in collettiva che in personale, a Milano, Bologna, Parma e in diverse gallerie nel Sud Italia. Le sue grandi passioni sono il mare e il Surrealismo. All’Ospedale di Sassuolo aveva già donato alcuni anni fa un suo quadro, tuttora esposto in Area Lilla.

 

 

(11 dicembre 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



FIORANO MODENESE