Ora il PD faccia i conti, anche con le dita se vuole, e veda se il paese reale sta in parlamento o no

Altre Notizie

Supporto alla genitorialità, a Bologna attivo un nuovo sportello di consulenza educativa anche per adolescenza e preadoloscenza

di Redazione Bologna È attivo da alcune settimane il nuovo sportello di consulenza educativa rivolto a genitori e adulti di riferimento di adolescenti e preadolescenti promosso da Asp Città di Bologna in collaborazione con il Comune. L’iniziativa, realizzata con il contributo per lo sviluppo e la qualificazione dei Centri per le famiglie e per le […]

Rapina in un supermercato a Bologna

di Redazione Bologna Nel pomeriggio dello scorso 5 dicembre 2022, l’equipaggio di Volante del Commissariato di San Giovanni in Persiceto ha eseguito l’arresto nei confronti di una donna straniera di circa 40 anni per una rapina avvenuta all’interno del supermercato IN’S sito alle porte di San Giovanni in Persiceto. La donna era stata sorpresa dal […]

Meloni è stanca delle “critiche alla manovra”, insomma con le critiche non ce la fanno

di Giovanna Di Rosa La presidente del Consiglio è “stanca delle critiche” alla manovra e trascina Palazzo Chigi sulla pericolosa soglia del come si permettono che è sempre un pessimo segno. Se ci sono critiche ci sono criticità evidentemente, dunque piuttosto che insofferenza sarebbe bene manifestare umiltà, perché chi la bicicletta se l’è cercata poi la bicicletta […]

Condividi

di Daniele Santi

Se il PD o chi per lui, che abbia voce in capitolo, volesse fare un rapido calcolo delle forze che sono affini al PD e che governano in molte parti d’Italia, in Emilia-Romagna ad esempio, con quello che viene chiamato campo allargato perché è sempre bello dare nomi altisonanti anche a ciò che non c’è, scoprirebbe che Meloni e fratelli e sorelle non sono maggioranza nel paese, e non lo sono nettamente.

Ma questi calcoli non si faranno perché Letta non è stato messo lì, e non ha accettato di mettersi lì, per vincere le elezioni, ma per non far naufragare un partito che non è mai stato a galla da solo. Vince a livello locale, perché ha una proposta, e viene sconfitto dalle Armate Brancaleone delle destre a livello nazionale perché non sa dove andare, dovendo accontentare tutte le sue correnti, quella renziana in primis.

Ora il PD, e Enrico Letta, dovrebbe dire agli italiani perché hanno scelto scientemente di perdere le elezioni sapendo di perderle. Non volevano avere tra i maroni un futuro prossimo da far tremare i polsi? Non volevano continuare a prendersi responsabilità per gli errori degli altri? Volevano l’agenda Draghi quando non esiste nessuna agenda Draghi? Sono stati ricattati dalla corrente pro-Renzi a favore dell’inciucio Calenda-Renzi che ha perso Calenda tanto il nome era il suo?

Resettatevi, dicevamo, e ripartite da zero. Non dal PDS né dall’aborto DS. Da zero. E siate sinistra sul serio. Il centro in questo paese abbonda. Se poi volete trasferire le istanze realmente di sinistraConte fate pure. Tanto se le è già prese. E già che ci siete, fate tacere Cuperlo.

 

(27 settembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: