Pakistan: numeri allarmanti di malaria e malnutrizione nelle aree colpite dalle alluvioni

Altre Notizie

Le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano

di Redazione Scandiano La mattina del 27 gennaio le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano. Prima della commemorazione ufficiale, il sindaco Matteo Nasciuti ha lucidato la pietra d’inciampo dedicata a Guglielmo Corradini, antifascista e partigiano scandianese deportato e ucciso a Mathausen, in piazza Spallanzani. Con lui anche un parente di Corradini, Luca Basenghi, con la figlia […]

La Rocca di Scandiano in rosa per onorare il Giro d’Italia

di Redazione Sport Mancano 100 giorni alla partenza del Giro d’Italia 2023, qualcuno in più alla prima storica partenza di tappa da Scandiano, il 16 maggio nella frazione che condurrà i ciclisti a Viareggio. Nella serata del 26 gennaio l’amministrazione comunale ha dato appuntamento davanti alla Rocca a tutte le ciclistiche scandianesi per dare ufficialmente il […]

Condividi

di Redazione Sociale

In Pakistan, Medici Senza Frontiere (MSF) continua a registrare numeri allarmanti di pazienti affetti da malaria e malnutrizione tra le comunità colpite dalle recenti alluvioni nelle province del Sindh e del Belucistan.

La metà dei pazienti visitati dalle cliniche mobili di MSF a dicembre era affetta da malaria nonostante ci si aspettasse una diminuzione dei casi con la stagione fredda, e dallo scorso ottobre i team hanno trattato più di 42.000 casi di malaria. MSF ha registrato anche numeri allarmanti di malnutrizione acuta tra i bambini, dopo che le alluvioni hanno distrutto gran parte dei raccolti e degli allevamenti, principale fonte di sostentamento per molte comunità. Dall’inizio delle attività in Sindh e in Belucistan, le cliniche mobili di MSF hanno visitato 28.313 bambini di cui più della metà erano malnutriti: il 23% era affetto da malnutrizione acuta e il 31% da malnutrizione acuta moderata.

Circa quattro mesi dopo la fine delle alluvioni, nel paese continua l’emergenza e i bisogni umanitari della popolazione rimangono alti. L’attuale risposta è inadeguata e i bisogni primari della popolazione, come l’accesso a cibo, acqua potabile e cure mediche, rimangono insoddisfatti.

I team di emergenza di MSF gestiscono cliniche mobili e unità di trattamento per la malaria che ogni settimana raggiungono oltre 50 luoghi diversi nei distretti di Dadu, Jacobabad e Shahadat Kot in Sindh e nei distretti di Jaffarabad, Naseerabad, Sohbatpur, Jhal Magsi e Usta Mohammed in Belucistan orientale. Finora MSF ha fornito cure mediche di base ha più di 92.000 persone principalmente per malattie cutanee, malaria, infezioni respiratorie e diarrea. Le persone che tornano ai loro villaggi continuano a trovare le case e i terreni distrutti e ancora circondati da acqua stagnante e questo ha un impatto sulla loro salute mentale. Per questo motivo le équipe di MSF forniscono supporto psicologico individuale e di gruppo per aiutare la popolazione in questi momenti difficili. Inoltre, nelle ultime settimane MSF ha distribuito kit per l’inverno a 6.000 famiglie che vivono in campi e insediamenti informali.

Nei villaggi di nuovo accessibili in Sindh e in Belucistan orientale, le fonti d’acqua sono ancora contaminate e l’acqua potabile è molto lontana. I raccolti, il bestiame e le scorte alimentari sono andati persi e i campi non saranno pronti per la prossima stagione di semina, aumentando così il rischio di insicurezza alimentare. I team di MSF hanno già fornito più di 20 milioni di litri di acqua potabile alle comunità rurali e stanno continuando a farlo. Inoltre, le équipe di MSF hanno aiutato a distribuire 15.973 kit igienici alle famiglie che vivono nelle aree remote colpite dalle alluvioni.

 

(13 gennaio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: