8.8 C
Sassuolo
13.8 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità

CRONACA

Pubblicità

FIORANO MODENESE

Libri per la scuola di arabo di Fiorano Modenese

Donati dal Rotary di Sassuolo per i 70 studenti dell’attività didattica portata avanti dall’associazione “L’alba degli angeli”, provenienti da tutto il distretto ceramico [....]

Il mistero del liceo classico

EMILIA-ROMAGNA

HomeNotizie“Per oldir cose diletose e nove”,  sabato 14 ottobre, giornata di studio...

“Per oldir cose diletose e nove”,  sabato 14 ottobre, giornata di studio sul Boiardo a Scandiano

Una giornata di studio e di approfondimento dedicata alla lettura dell’Orlando Innamorato si svolgerà sabato 14 ottobre, a partire dalle 10.15 nella Sala Civica B. Casini.

La mattinata, gratuita e aperta a tutti, sarà un’occasione per immergersi nella magia del celebre poema epico-cavalleresco scritto da Matteo Maria Boiardo, conte di Scandiano, nel quindicesimo secolo: un’epopea senza tempo che ha avuto una enorme influenza sulla letteratura epica e la poesia in generale.

Il cuore dell’evento, dopo il saluto delle autorità, sarà la lettura dei primi tre canti del poema: Cristina Montagnani, presidente del Centro Studi Matteo Maria Boiardo e docente di letteratura italiana all’Università degli Studi di Ferrara, leggerà il primo canto. Tiziano Zanato, docente di letteratura italiana all’università Ca’ Foscari di Venezia e Andrea Canova, professore associato di filologia italiana e letteratura all’Università Cattolica di Brescia, leggeranno il secondo e il terzo canto, per dare vita alle avventure degli eroi del Boiardo.

Al termine della mattinata verranno premiate le migliori tesi di laurea: il Centro Studi Matteo Maria Boiardo  bandisce infatti, ogni due anni, un premio per una tesi di laurea (o di dottorato) nel campo della cultura rinascimentale, con una preferenza per le tesi legate all’ambito estense. L’evento sarà un’occasione non solo per immergersi nella letteratura e nella cultura del Rinascimento italiano, celebrando il lavoro di uno dei più grandi poeti del periodo, ma anche di riconoscere il talento dei giovani studiosi che continuano a farne luce attraverso la loro ricerca.

 

 

(11 ottobre 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 



LEGGI ANCHE