Ucciso a coltellate a Campogalliano

Altre Notizie

Le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano

di Redazione Scandiano La mattina del 27 gennaio le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano. Prima della commemorazione ufficiale, il sindaco Matteo Nasciuti ha lucidato la pietra d’inciampo dedicata a Guglielmo Corradini, antifascista e partigiano scandianese deportato e ucciso a Mathausen, in piazza Spallanzani. Con lui anche un parente di Corradini, Luca Basenghi, con la figlia […]

La Rocca di Scandiano in rosa per onorare il Giro d’Italia

di Redazione Sport Mancano 100 giorni alla partenza del Giro d’Italia 2023, qualcuno in più alla prima storica partenza di tappa da Scandiano, il 16 maggio nella frazione che condurrà i ciclisti a Viareggio. Nella serata del 26 gennaio l’amministrazione comunale ha dato appuntamento davanti alla Rocca a tutte le ciclistiche scandianesi per dare ufficialmente il […]

Condividi

foto: http://news.leportale.com/

di M.M. #Modena twitter@modenanewsgaia #Cronaca

 

Nella notte del 23 giugno i Carabinieri della Compagnia di Carpi sono intervenuti a Campogalliano ed hanno arrestato un 30enne di nazionalità marocchina, residente a Campogalliano, che si è reso responsabile del reato di omicidio volontario aggravato nei confronti di un tunisino 36enne, in Italia senza fissa dimora, maturato durante un litigio, per apparenti futili motivi, avvenuto in via Barchetta.

I fatti appena dopo la mezzanotte quando alla Centrale Operativa del Comando Compagnia Carabinieri di Carpi sono giunte delle telefonate da parte di privati cittadini che segnalavano un violento alterco tra due extracomunitari; all’arrivo dei Carabinieri uno dei due uomini veniva trovato sanguinante ed accasciato per terra mentre l’altro, ancora vicino a lui, con un coltello in mano sporco di sangue. Accorreva sul posto anche il personale del 118 che non poteva fare nmulla per il 36 enne data la gravità delle ferite inferte dall’omicida.

I successivi accertamenti consentivano di accertare che la causa del decesso era da ricondurre alle ferite da arma da taglio che la persona trovata vicino a lui gli aveva inferto all’addome.

Il 30enne è stato subito arrestato e si trova ora rinchiuso nella Casa Circondariale di Modena, ove rimarrà a disposizione della Procura della Repubblica di Modena. Sono in corso ulteriori accertamenti.

 

 

(23 giugno 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 



Share and Enjoy !

0Shares
0

0
0

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: