“Un mondo diviso che ha bisogno di un ritorno alla sovranità”. Il Massimo D’Alema sovranista è quella che mancava

Altre Notizie

“Peng”, al Teatro delle Passioni dal 9 al 12 febbraio 2023

di Redazione Spettacoli Dal 9 al 12 febbraio (giovedì e venerdì ore 20.30, sabato 19.00 e domenica 16.00) prosegue con Peng il percorso Le Passioni allo Storchi, cinque allestimenti che disegnano un filo rosso dedicato al Teatro delle Passioni. Lo spettacolo è allestito direttamente sul palcoscenico su una gradinata con 50 posti, in stretta prossimità […]

Il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano è il primo in Europa con doppia certificazione FSC e PEFC per la gestione forestale sostenibile e i servizi...

di Redazione Bologna In Italia i boschi arrivano a coprire il 37% del territorio: un grande valore che deve però essere gestito in maniera opportuna[1]. È infatti necessario tutelare il patrimonio forestale e arboreo italiano a 360 gradi, tenendo conto dei suoi “servizi ecosistemici”, ovvero i benefici multipli forniti dagli ecosistemi al pianeta e al genere […]

Abusivismo commerciale, la Polizia Locale ha sequestrato 230 pezzi di articoli in pelle contraffatti

di Redazione Bologna Nel corso dei sevizi di contrasto all’abusivismo commerciale, sabato 4 febbraio, agenti del reparto Commerciale della Polizia Locale hanno sequestrato circa 230 pezzi di merce contraffatta in tre interventi: uno in via Montebello e due in via Indipendenza dove, dopo il primo sequestro, alcuni venditori avevano deciso di riposizionarsi. In particolare, un venditore […]

Venerdì 10 è il Giorno del Ricordo

di Redazione Modena Venerdì 10 febbraio si celebra il Giorno del Ricordo dedicato alle vittime delle foibe e dell’esodo giuliano dalmata. Modena ha in programma una cerimonia commemorativa al monumento in pietra carsica in piazzale Natale Bruni, dedicato proprio ai Martiri delle foibe, mentre il “Comitato comunale per la storia e le memorie del Novecento”, […]

Giardini Ducali, rimessa a nuovo dei sentieri ghiaiati

di Redazione Modena Cantiere in corso ai Giardini Ducali di Modena per rimettere a nuovo i sentieri ghiaiati, riqualificando la viabilità agli ingressi e l’area intorno ai giochi. L’intervento, che rientra nell’ambito della manutenzione ordinaria del parco, è coordinato dal servizio di Manutenzione urbana del Comune e durerà circa due settimane. La riqualificazione riguarda in particolare […]

Condividi

di Daniele Santi #Politica twitter@gaiaitaliacom #Sovranismi

 

Non contento dei suoi “Non cambai io il titolo V della Costituzione” e incurante degli effetti della sua sciagurata “non riforma” ecco Massimo D’Alema prendere la rincorsa costi quel che costi per saltare sulla poltrona di presidente della Repubblica nel dopo-Mattarella; inciamperà in qualche ostacolo come al solito e come tutte le altre volte, ma l’uomo coi baffi ha più incoscienza che fegato, e sceglie un argomento sdrucciolevole, più di MPS: il sovranismo.

Del resto a Massimo D’Alema piacciono i rischi e le acrobazie. Riesce da sempre a parlare di politiche di sinistra, praticando politiche di destra e a professarsi uomo di sinistra salvo poi allearsi con la destra per i suoi governicchi dei quali non rimane nulla se non l’abolizione del servizio militare – per amor delle casse dello Stato non per amor dei giovani – e per l’appunto la patetica questione costituzionale relativa al titolo V.

Stavolta l’eterno delle eterne trame supera sé stesso. Riesce a dire una sola frase, all’interno di una intervista a Il Foglio che ha anche dei punti interessanti pur se espressi alla D’Alema, cioè sotto la divina aurea dell’infallibilità che è di pochissimi, e la frase è: “Il sovranismo racchiude una istanza giusta: il ritorno alla sovranità”, che strizza l’occhio alla destra più becera, ai Salvini più truci, alle Meloni più bionde e racchiude una preghiera: “Mandatemi al Quirinale, farò il bravo”. Poi l’intervista spazia in pieno stile dalemiano – sono colto, sono preparato, so tutto, sono Massimo D’Alema – per arrivare alla solita battuta contro Matteo Renzi che uno se l’aspetta pure.

L’intervista non dice niente che non si possa intuire anche senza essere Massimo D’Alema, essendo un mino portati al ragionamento politico e con una certa conoscenza dell’aria che tira. Ma conferma una cosa indiscutibile: Massimo D’Alema è, di questi tempi, l’unico ministro degli Esteri possibile. E sarebbe il momento che Conte se ne accorgesse e mettesse in frigorifero Luigi Di Maio e tutte le sue incapacità.

 

(4 marzo 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0

0
0

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: