8.8 C
Sassuolo
13.6 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità

CRONACA

Pubblicità

FIORANO MODENESE

“Cime tempestose” raccontato a Fiorano Modenese

Domenica al Centro Culturale di via Vittorio Veneto con Tina De Falco, Franca Lovino e Gen Llukaci [....]

Il mistero del liceo classico

EMILIA-ROMAGNA

HomeCopertinaAboubakar deve spostare la sua falegnameria su un altro terreno per ordine...

Aboubakar deve spostare la sua falegnameria su un altro terreno per ordine del governo del suo paese, ma non ha denaro sufficiente. Gli diamo una mano?

Aboubakar Koulibaly è un giovane ivoriano nato nel 1988, che è vissuto in Italia dal 2016 fino al 2019 che, non essendo riuscito a regolarizzare i suoi documenti, ha chiesto l’aiuto dell’OIM (Organizzazione Mondiale Migranti) ed è riuscito a tornare in Costa d’Avorio che non è proprio il paradiso in terra, ma è luogo dove se ti tiri su le maniche qualcosa lo combini.

Aboubakar si è aperto una falegnameria e dà lavoro a quattro ragazzi, due quindicenni e due ventenni – Coulibaly Bamory di 15 anni, Coulibaly Aboulaye di 15 anni, Diomande Daouda di 15 anni, Kone Ibraim e Bamba ismael di 20 anni – quella stessa falegnameria che era andata distrutta quando i guerriglieri scorrazzano allegramente per il paese bruciando case, negozi, aziende e gente comune. Per questione di elezione diretta del Presidente, informazione che magari serve un po’ anche a noi.

Aboubakar non si dà per vinto e si ricostruisce, dopo essere tornato, una nuova falegnameria, poi un giorno le autorità gli hanno mandato un foglio nel quale dicono che essendo la falegnameria a bordo strada deve spostarsi ed è obbligato a comprare un terreno che costa € 1.500, è già riuscito a versare una caparra grazie al sostegno di amici conosciuti in Italia, ma gli mancano € 1.200 per saldare il terreno e riprendere l’attività. Diamogli una mano.

Qui c’è il resto della storia e le modalità per sostenere Aboubakar. E’ un’occasione per dare corpo e valore alla stantìa e vuota frase che tanto piace a gente piccola che dà aria ai denti, quel famoso aiutiamoli a casa loro di raro razzismo e protervia. Aboubakar si aiuta alla grande, anche da solo, ma se gli diamo una mano aiuteremo lui ad acquistare il terreno e altri ragazzi ad avere un lavoro. Diamoci dentro.

 

 

(23 gennaio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 



LEGGI ANCHE