26 C
Sassuolo
26.6 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità

CRONACA

Pubblicità

FIORANO MODENESE

EMILIA-ROMAGNA

HomeNotizieAlzheimer e Demenze, una priorità di salute pubblica

Alzheimer e Demenze, una priorità di salute pubblica

Pubblicità
Iscrivetevi al nostro Canale Telegram

Martedì 16 maggio negli spazi Florim Gallery si è svolto l’Incontro della salute sull’Alzheimer e le demenze, patologie di natura degenerativa che sono tra le principali cause di disabilità per le persone anziane e i cui sintomi vengono spesso erroneamente attribuiti all’invecchiamento e allo stress. Questo specifico appuntamento è stato promosso come di consueto da Florim e Ospedale di Sassuolo ai quali si è aggiunta la preziosa collaborazione di AUSL di Modena.

La demenza è una patologia dall’impatto crescente. I numeri che restituisce l’OMS e le previsioni future sono allarmanti: più di 50 milioni di persone nel mondo ne sono affette e questa cifra potrebbe triplicare entro il 2050. Un quadro a prima vista preoccupante che non risparmia la provincia di Modena, con quasi 12.000 persone (circa 70.000 in Emilia Romagna) delle quali il 60% ha la forma più nota e grave: l’Alzheimer.

L’Incontro è stato moderato dalla dott.ssa Marcella Camellini (Medico U.O. di Cardiologia Ospedale di Sassuolo, Responsabile Scientifico Progetto salute&formazione e Coordinatore del training Site AHA), che ha sottolineato “la volontà, insieme ai relatori, di approfondire questo argomento per conseguire una maggiore consapevolezza sulla patologia: la riduzione dei rischi, la diagnosi, il trattamento farmacologico e non ed i percorsi di sostegno al paziente ed ai caregiver nella nostra Provincia.”

Sono intervenuti tre professionisti: la dott.ssa Federica Ronchetti (Direttore AUSL del Distretto Sanitario di Sassuolo) con una breve introduzione sul tema delle demenze, funzionale alle relazioni del dott. Andrea Fabbo (Direttore della Struttura Operativa Complessa di Geriatria – Disturbi Cognitivi e Demenze della AUSL di Modena) e della dott.ssa Barbara Manni (Medico specialista in geriatria, gerontologia, malattie dell’invecchiamento e malattie dementigene della AUSL di Modena).

Benché la patologia della demenza registri numeri importanti, la provincia di Modena e in modo particolare l’AUSL hanno risposto con una forte attenzione nella gestione della problematica sia sotto il profilo sanitario sia sotto il profilo sociale – tanto che ormai si parla, a livello nazionale ed internazionale, di un “modello Modena”.

La regia di tutto il sistema è affidata all’UOC Disturbi Cognitivi e Demenze, una struttura “complessa” che ha il ruolo di coordinare i percorsi ed i servizi della rete provinciale per le demenze. “Il progetto nel suo complesso – prosegue Fabbo – è il frutto di uno straordinario sforzo collaborativo, con risultati tangibili di un’assistenza qualificata in tutta la provincia modenese.”

Vivere con la demenza è possibile, dunque? Si, ma la qualità di vita dipende molto dal supporto della famiglia, degli interventi psicosociali e della comunità. Come ha precisato la dott.ssa Manni, “Il Centro Disturbi Cognitivi diventa un collettore di interventi a favore delle persone con demenza e dei famigliari. Questi interventi, offerti non solo dal Centro ma anche dalle Associazioni e dai Servizi Sociali, permettono di rallentare il decorso della malattia dementigena, di mantenere più a lungo possibile le autonomie, minimizzare le disabilità ed evitare le complicanze come la fragilità o i disturbi del comportamento.”

 

(17 maggio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Comune di Sassuolo
cielo sereno
27.1 ° C
28.5 °
26.6 °
40 %
0.9kmh
8 %
Gio
34 °
Ven
36 °
Sab
34 °
Dom
33 °
Lun
23 °

LEGGI ANCHE