6.6 C
Sassuolo
8.1 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità

CRONACA

Pubblicità

FIORANO MODENESE

“Cime tempestose” raccontato a Fiorano Modenese

Domenica al Centro Culturale di via Vittorio Veneto con Tina De Falco, Franca Lovino e Gen Llukaci [....]

Il mistero del liceo classico

EMILIA-ROMAGNA

HomeBologna Spettacoli“Amore”, di Pippo Delbono al Teatro Arena del Sole

“Amore”, di Pippo Delbono al Teatro Arena del Sole

Dopo la lunga tournée in Italia e all’estero, dal 14 al 17 dicembre va in scena al Teatro Arena del Sole di Bologna Amore, l’ultima opera di Pippo Delbono, tra gli artisti italiani più apprezzati e conosciuti all’estero, i cui lavori sono ospitati e prodotti nei teatri e nei festival di numerosi paesi stranieri. Lo spettacolo, che ha debuttato nel 2021 al Teatro Storchi di Modena e che è appena stato in scena anche a Cesena, arriva finalmente a Bologna, dove era previsto in programma la scorsa stagione e poi annullato.

Regista, autore, attore di teatro e cinema di casa in ERT, che lo sostiene dagli esordi, Delbono ha segnato la storia del teatro contemporaneo europeo: negli anni ’80 ha fondato insieme a Pepe Robledo la sua Compagnia, che nel tempo si è allargata a una comunità scenica dalla forza espressiva irripetibile.

Amore è una grande coproduzione internazionale, che ha coinvolto personalità artistiche di diverse discipline, come il celebre chitarrista e compositore Pedro Jóia, due volte Premio Carlos Paredes 2021, il cantante Miguel Ramos, uno dei più riconosciuti della nuova generazione del fado, l’angolana Aline Frazão, scrittrice, musicista e autrice nel 2020 della colonna sonora del film Aria Condizionata del regista Fradique (fra i più talentuosi del cinema contemporaneo africano), l’artista visiva portoghese Joana Villaverde e lo studioso Tiago Bartolomeu Costa.

Amore è una ricerca sull’emozione più potente, quel vero e proprio ingranaggio che nell’organismo umano seleziona, sposta, frantuma e ricompone tutto ciò che vediamo, sentiamo, desideriamo. Uno stato dell’anima, attraversato in scena con l’energia coinvolgente di una musica che sa renderlo carnale: punto di partenza è il Portogallo con la sua cultura, le note sono quelle malinconiche del fado che da sempre materializzano la passione, insieme all’assenza, la distanza, la nostalgia. La parola poetica, restituita dal registro caldo dell’artista attraverso il suo consueto, ipnotico, salmodiare al microfono, è di autori di lingua portoghese – Carlos Drummond de Andrade, Eugénio De Andrade, Daniel Damásio Ascensão Filipe, Sophia de Mello Breyner Andresen, Florbela Espanca – di Jacques Prévert e Rainer Maria Rilke.

Il progetto artistico è nato dall’amicizia fra Pippo Delbono e il produttore teatrale italiano Renzo Barsotti, da anni attivo in Portogallo, e dal desiderio di realizzare insieme uno spettacolo su questo paese. Da qui l’inizio di un suggestivo viaggio attraverso paesaggi pittorici, lirici e sonori, fra geografia esterna – il Portogallo, ma anche l’Angola e Capo Verde – e riflessione autobiografica. Il ritmo è quello ora di una parata, ora di un tableau vivant, ora di una lenta processione, l’immagine è un quadro che muta nei colori, si scalda e si raffredda. A tenere insieme un montaggio emotivo mai del tutto pacificato è una grammatica scenica che alterna il pieno al vuoto, il canto alla musica, la voce viva al silenzio: una mappatura di emozioni che scava nell’animo dell’autore, dei suoi interpreti e dello stesso spettatore, chiamato a cercare sempre con gli occhi ciò che manca e che, inesorabilmente, tarda a manifestarsi.

 

Teatro Arena del Sole
Via dell’Indipendenza 44, Bologna

dal 14 al 17 dicembre 2023
giovedì e venerdì ore 20.30 | sabato 19.00 | domenica 16.00

 

 

(6 dicembre 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata





 

 

 

 

 

 



LEGGI ANCHE