8.8 C
Sassuolo
13.8 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità

CRONACA

Pubblicità

FIORANO MODENESE

“Cime tempestose” raccontato a Fiorano Modenese

Domenica al Centro Culturale di via Vittorio Veneto con Tina De Falco, Franca Lovino e Gen Llukaci [....]

Il mistero del liceo classico

EMILIA-ROMAGNA

HomeNotizieArrestato latitante condannato per ‘ndrangheta rifugiato in Georgia

Arrestato latitante condannato per ‘ndrangheta rifugiato in Georgia

Personale della Polizia di Stato (appartenente alla Squadra Mobile di Torino, alla Sezione Investigativa di Torino del Servizio Centrale Operativo ed alla Polizia Stradale di Cuneo) e dell’Arma dei Carabinieri (Nucleo Investigativo di Cuneo) ha proceduto, presso la Scalo Aeroportuale di Orio al Serio, all’arresto di Giuseppe Francesco Sganga, destinatario di ordine di arresto ai fini estradizionali, in quanto condannato in primo grado per concorso esterno in associazione di stampo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti e ricettazione di un’autovettura, nonché, in un secondo processo, per accesso abusivo a sistemi informatici e per tentate frodi informatiche.

Di fondamentale importanza, per la fattiva ricerca e localizzazione dell’estradando, è stata la Cooperazione tra le autorità di Polizia italiana e la Polizia della Georgia, con il coordinamento del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia della Direzione Centrale della Polizia Criminale e dell’Ufficio dell’Esperto per la Sicurezza presso l’Ambasciata d’Italia di Tbilisi. L’uomo, infatti, era inserito nell’ambito del progetto 1-CAN (Interpol Cooperation Against Ndrangheta), istituito per agevolare le ricerche di catturandi in ambito internazionale, sul presupposto ormai ampiamente dimostrato che la ‘ndrangheta sia attualmente un’organizzazione criminale globale.

L’arrestato aveva infatti trovato rifugio in Georgia, grazie all’appoggio di conoscenti, allo scopo di sottrarsi alla celebrazione dei processi nei suoi confronti in Italia. L’esecuzione dell’estradizione permetterà pertanto di svolgere i giudizi di appello in presenza dell’imputato, assicurandogli la possibilità di illustrare le proprie tesi difensive, ma al tempo stesso garantendo alla giustizia italiana di poter applicare le eventuali condanne per i reati commessi sul territorio nazionale.

L’estradizione di Giuseppe Francesco Sganga è stata possibile in quanto il Potere Giudiziaria italiana aveva emesso nei suoi confronti ordinanze applicative della misura della custodia in carcere, estese in campo internazionale, motivate dalla sussistenza di gravi indizi di colpevolezza e dalle esigenze cautelari del pericolo di fuga e di reiterazione di analoghe condotte criminose, essendo tra l’altro l’estradando già gravato da numerosi precedenti penali. Uno dei citati provvedimenti cautelari coercitivi, in particolare, costituiva l’esito della complessa attività Investigativa coordinata dalla D.D.A. di Torino e svolta sinergicamente dalla Squadra Mobile della Polizia di Stato di Torino e dai Carabinieri di Cuneo, che consentiva di attestare, attualmente con una pronuncia al primo grado di giudizio, l’esistenza del “locale” di ‘ndrangheta di Bra (CN), i cui associati erano dediti a plurime condotte criminose tra cui il traffico di sostanze stupefacenti, le estorsioni e le rapine. Al vertice del sodalizio vi era la famiglia Luppino, originaria del comune reggino di Sant’Eufemia d’Aspromonte, insediatasi da anni nel territorio di Bra, i cui principali esponenti erano stati individuati nei fratelli Salvatore e Vincenzo Luppino.

Proprio nell’ambito del processo scaturito da tale attività investigativa, in data 21.10.2022, Giuseppe Francesco Sganga veniva condannato in primo grado di giudizio, dal Tribunale di Asti, alla pena di 11 anni e 4 mesi di reclusione per i delitti di associazione di stampo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti e ricettazione. Il medesimo Tribunale, in data 15.09.2022, aveva già emesso, sempre nei confronti dell’uomo, una precedente sentenza di condanna a 2 anni e 11 mesi di reclusione per delitti di riciclaggio e ricettazione.

Informa un comunicato stampa della Polizia di Stato.

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



LEGGI ANCHE