Capitan Patapum capitombola anche a Reggio Calabria

Altre Notizie

Le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano

di Redazione Scandiano La mattina del 27 gennaio le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano. Prima della commemorazione ufficiale, il sindaco Matteo Nasciuti ha lucidato la pietra d’inciampo dedicata a Guglielmo Corradini, antifascista e partigiano scandianese deportato e ucciso a Mathausen, in piazza Spallanzani. Con lui anche un parente di Corradini, Luca Basenghi, con la figlia […]

La Rocca di Scandiano in rosa per onorare il Giro d’Italia

di Redazione Sport Mancano 100 giorni alla partenza del Giro d’Italia 2023, qualcuno in più alla prima storica partenza di tappa da Scandiano, il 16 maggio nella frazione che condurrà i ciclisti a Viareggio. Nella serata del 26 gennaio l’amministrazione comunale ha dato appuntamento davanti alla Rocca a tutte le ciclistiche scandianesi per dare ufficialmente il […]

Condividi

La fotografia è testimone della coerenza politica, reiterata nel tempo, del segretario leghista

di Giancarlo Grassi #maiconsalvini twitter@gaiaitaliacom #Calabria2020

 

Sono giorni difficili: si perdono le elezioni regionali, si scivola quasi venti punti più sotto di quanto deliravano i sondaggi un anno fa, si perdono quattro città chiave in Lombardia, in rapida successione si perdono l’Emilia-Romagna e la Toscana, dopo avere perso la Puglia dove ha accusato la campagna elettorale “sbagliata” – che lui stesso aveva imposto – dopo avere visto la vittoria delle regioni dove i candidati sono di Fratelli d’Italia e Zaia triplicare i voti salviniani in Veneto, il Matteo urlatore perde anche Reggio Calabria al ballottaggio. Capitan Capitombolo non ce la fa più e non gli resta che gridare che il governo è disunito.

Sono sedici i punti che Salvini e il suo candidato si sono presi dal Sindaco uscente Falcomatà, 37 anni, che conquista la conferma al termine di una campagna elettorale conclusa con una vittoria clamorosa visti  numeri al ballottaggio. E se il centrodestra piange il Salvini del cuoio dissolvi non può certo ridere, perché nonostante le sue entrate elefantesche nel mondo dei cristalli della destra calabrese, la sua Lega è ridotta ai minimi. Una pena per la Lega nazionale del prima i calabresi, prima i pugliesi, prima i napoletani, prima i siciliani e ultimi i leghisti.

Chi l’avrebbe mai detto, a parte noi che lo scriviamo da mesi?

 

(6 ottobre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0


0

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: