Ecco la Sassuolo “bene” e la Sassuolo “no”

Altre Notizie

Le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano

di Redazione Scandiano La mattina del 27 gennaio le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano. Prima della commemorazione ufficiale, il sindaco Matteo Nasciuti ha lucidato la pietra d’inciampo dedicata a Guglielmo Corradini, antifascista e partigiano scandianese deportato e ucciso a Mathausen, in piazza Spallanzani. Con lui anche un parente di Corradini, Luca Basenghi, con la figlia […]

La Rocca di Scandiano in rosa per onorare il Giro d’Italia

di Redazione Sport Mancano 100 giorni alla partenza del Giro d’Italia 2023, qualcuno in più alla prima storica partenza di tappa da Scandiano, il 16 maggio nella frazione che condurrà i ciclisti a Viareggio. Nella serata del 26 gennaio l’amministrazione comunale ha dato appuntamento davanti alla Rocca a tutte le ciclistiche scandianesi per dare ufficialmente il […]

Condividi

di Redazione, #Sassuolo

Stiamo per proporvi due immagini che descrivono, con grande chiarezza, la realpolitik della Lega, unite in un irrispettoso confronto proprio mentre la politica leghista-Menaniana che trionfa a Sassuolo nei due anni dalla proclamazione a imperatore, e che è riuscito, nei fatti, in nome di politiche di serie “A” – verso l’elettorato che al Doge si rivolge e guarda con a un Vate – e quella di serie “B” che vagheggia di vacanze lontane e frequenta i mercatini a poco prezzo. Se la pizza è praticabile.

Come da foto da un lato l’elegante Piazza Garibaldi, palcoscenico di ridotte dimensioni, tavolini all’aperto, quasi pieno deserto, portici e la Sassuolo-bene o quel che ne resta a celebrarsi nel suo sentirsi unica in questo desertificio unto a piastrelle e dall’altro la proletaria Piazza Martiri della Libertà, dicasi Piazza Grande per chi le ha sempre viste piccole, così sottosopra – da mesi mesorum – da non poter ospitare nemmeno il Mercatino dei poveri che negli anni scorsi faceva mesta mostra di sé a pochi passi dal gioiello di famiglia, quel piazzale della Rosa che è l’entrata di Palazzo Ducale.

Eccola cittadina a propaganda leghista, da un lato seduti e allegri, dall’altro le arancioni e plasticate divisorie a rete così che si possa guardare dentro e dire “Guarda ec büsa”, così tanto per far qualcosa, che sembra essere il motto di chi non sa nemmeno dire con certezza ai cittadini quando finiranno i lavori.

 

(1 giugno 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: