Fiorano Modenese, al “Tè delle cinque” presentazione de libro “Copenaghen Punto Zero”

di Redazione, #FioranoModenese twitter@sassuolnewsgaia #Appuntamenti

 

Domenica 16 febbraio 2020, a Villa Cuoghi a Fiorano Modenese, alle ore 17, ‘Il tè delle cinque’, presentazione del libro Copenaghen Punto Zero – performance teatrale a cura di Christian Caiumi, voce narrante Donatella Allegro, compresa nella rassegna “Il Tè delle 5” dell’associazione artistica INarte, in collaborazione con il Circolo culturale Nuraghe, l’associazione di fotografia Framestorming, gli Amici della musica Nino Rota ed il Comune di Fiorano Modenese.

Copenaghen punto zero è edito nel 2018 da Giovane Holden Edizioni, che così lo presenta: “Evocare l’esperienza della transizione di identità sessuale come destino misterioso, potenza, energia vitale, attraverso testi che la possano richiamare nei suoi significati e passaggi esistenziali più profondi, dalle sue premesse che in qualche modo possano rievocare la vita-non vita (morte) di prima della transizione dalla quale essa nasce, per seguirne poi lo sviluppo fino a quella che potrebbe essere la prefigurazione di una morte quale esito conclusivo di una vita autentica. Trasmettere quindi in particolare l’idea che la transizione di identità sessuale è il sorgere di una vita che si colloca tra due morti (una prima morte celata dietro una non-vita, una seconda morte quale termine di una vita vera e autentica).

Inoltre evocare come nell’esistenza di ogni essere umano, trans o no, la nostra identità tenda a essere fissata e cristallizzata in momenti, in passaggi decisivi, che lasciano dietro di noi tensioni irrisolte che condizioneranno per sempre la nostra vita, il modo in cui ci rapportiamo agli altri, fino a quando eventi esterni traumatici (come affrontare la morte) ci costringono a scegliere nuovamente se confermare le nostre decisioni precedenti o se metterle in discussione. E cosa è il senso della vita se non interrogarsi su ciò che ci è capitato di essere o di diventare nella nostra dimensione più intima e autentica? E quindi di avere il coraggio di tradurre anche socialmente questo destino? La vita di una persona transessuale è una delle manifestazioni più forti ed estreme del destino esistenziale e mortale di ogni essere umano.

La vita di Neviana Calzolari include il percorso di transizione evocata attraverso alcuni suoi passaggi cruciali in diciassette quadri lirici”.

 

 

(14 febbraio 2020)

@gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 




 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: