3.8 C
Comune di Sassuolo
lunedì, Gennaio 17, 2022
HomeFiorano ModeneseFiorano Modenese, contributi per il superamento delle barriere architettoniche. Domande entro l'1...

Fiorano Modenese, contributi per il superamento delle barriere architettoniche. Domande entro l’1 marzo 2020

di Redazione, #FioranoModenese twitter@sassuolnewsgaia #Notizie

 

A Fiorano Modenese è possibile usufruire di contributi per il superamento delle barriere architettoniche in ambito edilizio (Legge 13/1989 e Dgr 171/2014).

Possono accedere al contributo le persone disabili che risiedono nell’immobile interessato dalle opere di superamento delle barriere architettoniche o chi ne esercita la potestà o tutela; il condominio dello stabile dove risiede la persona disabile, tramite l’amministratore di condominiale, nel caso si faccia carico delle spese dei lavori richiesti dalla persona disabile; i direttori delle strutture socio-sanitarie residenziali ove abbia residenza la persona disabile a favore della quale sono state previste le opere.

Le domande di contributo (in marca da bollo da 16 euro) dovranno essere presentate entro il 1° marzo 2020 e devono riguardare opere non ancora realizzate su edifici esistenti e non ristrutturati dopo la data dell’11 agosto1989. La modulistica necessaria è reperibile presso il servizio Urbanistica-Edilizia Privata (via Vittorio Veneto n. 27/A) nei giorni di martedì e giovedì dalle ore 8.30 alle ore 12.30 o sul sito del Comune di Fiorano Modenese.

I richiedenti saranno ammessi a due distinte graduatorie, la prima di carattere nazionale, per l’erogazione di fondi nazionali, la seconda regionale, per eventuali risorse messe a disposizione dalla Regione. Entro 30 giorni dalla scadenza del termine di presentazione delle domande, verrà pubblicata la graduatoria dei richiedenti, mediante affissione presso la casa comunale e all’albo on line, poi trasferita alla regione Emilia Romagna.

La graduatoria verrà redatta in base alla distinzione tra invalidità totale e parziale dei richiedenti, secondo quanto previsto dalla legge 13/89, in base sarà all’ISEE del nucleo famigliare del richiedente e alla data di presentazione della domanda.

La Regione provvederà alla ripartizione dei fondi disponibili; le domande non soddisfatte nell’anno in corso, per insufficienza di fondi (statali e regionali) rimarranno comunque valide per gli anni successivi.

 

 

(22 febbraio 2020)

@gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 





 

 




 

POTREBBERO INTERESSARTI
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: