I sassolesi della Crociata no vax perdono momentaneamente la patria potestà

Altre Notizie

Condividi

di G.G.

I genitori che adducendo motivi religiosi stanno negando un’operazione al cuore al loro figlio di due anni, cardiopatico, che necessiterà di trasfusioni e che vogliono imporre che il loro figlio sia trattato solo con sangue proveniente da non vaccinati (e in mezzo a tanto dolore hanno trovato il tempo di chattare il loro grido su Telegram) hanno momentaneamente perso la patria potestà.

Il loro figlio è stato affidato dal Tribunale dei Minori di Bologna, e provvisoriamente, ai Servizi Sociali. Il bambino deve essere sottoposto al più presto ad un intervento chirurgico al cuore, e rischia la vita. I genitori si oppongono, parlando di motivazioni religiose. Essere follemente no-vax è dunque un credo che merita la patetica Crociata alla quale stiamo assistendo sulla pelle di un innocente. Adesso che lo sappiamo ci sentiamo tutti meglio, no?

 

(10 febbraio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: