Il nuovo partito di Giovanni Toti è filoleghista nel simbolo e nel selfie

Altre Notizie

Andrea Pennacchi, comico geniale, al Teatro Cinema Boiardo il 16 febbraio con “Mio padre – Appunti sulla guerra civile”

di Redazione Spettacoli Domenica 6 maggio 1945, alle 10 e tre quarti, mio padre, nome di battaglia Bepi, mio zio Vladimiro e il tenente degli alpini Stelio Luconi medaglia d’oro al valor militare in Russia scoprono di aver vinto la Seconda Guerra Mondiale. Quando è morto mio padre, mi sono svegliato di colpo, come ci si […]

Bologna, dodici misure cautelari tra appartenenti al Collettivo Universitario Autonomo e Laboratorio Cybilla

di Redazione Bologna Questa mattina la DIGOS della Questura di Bologna ha eseguito su disposizione della locale Procura della Repubblica, nella persona del Procuratore Capo dott. Giuseppe Amato e del dott. Antonio Gustapane, titolare delle indagini, 12 misure cautelari, emesse dal G.I.P. del Tribunale di Bologna, dott. Claudio Paris, a carico di altrettanti appartenenti del Collettivo […]

“Peng”, al Teatro delle Passioni dal 9 al 12 febbraio 2023

di Redazione Spettacoli Dal 9 al 12 febbraio (giovedì e venerdì ore 20.30, sabato 19.00 e domenica 16.00) prosegue con Peng il percorso Le Passioni allo Storchi, cinque allestimenti che disegnano un filo rosso dedicato al Teatro delle Passioni. Lo spettacolo è allestito direttamente sul palcoscenico su una gradinata con 50 posti, in stretta prossimità […]

Il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano è il primo in Europa con doppia certificazione FSC e PEFC per la gestione forestale sostenibile e i servizi...

di Redazione Bologna In Italia i boschi arrivano a coprire il 37% del territorio: un grande valore che deve però essere gestito in maniera opportuna[1]. È infatti necessario tutelare il patrimonio forestale e arboreo italiano a 360 gradi, tenendo conto dei suoi “servizi ecosistemici”, ovvero i benefici multipli forniti dagli ecosistemi al pianeta e al genere […]

Abusivismo commerciale, la Polizia Locale ha sequestrato 230 pezzi di articoli in pelle contraffatti

di Redazione Bologna Nel corso dei sevizi di contrasto all’abusivismo commerciale, sabato 4 febbraio, agenti del reparto Commerciale della Polizia Locale hanno sequestrato circa 230 pezzi di merce contraffatta in tre interventi: uno in via Montebello e due in via Indipendenza dove, dopo il primo sequestro, alcuni venditori avevano deciso di riposizionarsi. In particolare, un venditore […]

Condividi

di Giovanna Di Rosa #Lopinione twitter@genovanewsgaia #Politica

 

Tanto tuonò che nacque il simbolo: l’uomo che era stato scelto da Berlusconi per spostare verso sinistra Forza Italia con le buone ambasciate di Donna Carfagna del so far poco, ma quel poco benissimo, cui il Capo Supremo tolse il comando condiviso, ha lasciato l’anziano e malridotto leader – comunque instancabile e potentissimo, vedi i suoi due milioni e mezzo di preferenze personali alle recenti Europee – ed ha deciso di spostarsi, platealmente, verso la Lega di Salvini alla quale deve la sua elezione a Presidente della Regione Liguria, un presidente insipido e incolore al quale non rimane che l’endorsement come scelta di sopravvivenza di fronte al cannibalismo salviniano. La foto in alto spiega, senza bisogno di parole, il profondo legame politico che unisce Giovanni Toti (a destra) e Matteo Salvini uniti in un selfie che più utile alla politica italiana di così non si può.

Il simbolo del suo nuovo movimento politico “Cambiamo!” – ci vuole pelo sullo stomaco per presentarsi con un nome così, col passato politico di Toti ancorato perennemente al conservatorismo più becero travestito da progressismo – è filoleghista già dal simbolo. Il blu dipinto di blu con quell’arancione fastidioso che sembra esalti e sorregga, ma in realtà nasconde il nome di Toti esaltando il “Cambiamo”: così tu voterai l’arancione per essere rimasto accecato già dal simbolo – non lamentarti poi perché noi te l’abbiamo detto – ma in realtà stai votando Toti, un conservatore dei più conservatori.

Giovanni Toti, aveva annunciato il movimento politico “per cambiare il centrodestra” [sic], quando era iniziata l’attuale crisi di governo; anche lui sperava saltasse in aria tutto, ma ci saranno sorprese che nemmeno il buon Toti si aspettava… perché la fretta non è mai buona consigliera. Soprattutto in politica.

Toti prima di entrare in politica e poi abbandonare Berlusconi è stato direttore di Studio Aperto e del TG4 – la formazione è chiara, no? – ed è considerato ora vicino alla Lega di Matteo Salvini. Del nuovo simbolo dice: “Potete sceglierlo già alle prossime elezioni”.
Appunto, quando sarà già vecchio.
Come Toti.

 

(18 agosto 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 


 




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: