13.1 C
Sassuolo
15.4 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaIl vice capogruppo PD che sulla maternità surrogata la pensa quasi come...

Il vice capogruppo PD che sulla maternità surrogata la pensa quasi come Roccella

di Giovanna Di Rosa

Anche il nuovo [sic] corso del PD davvero non ci fa mancare niente. A parte i silenzi tombali della segretaria sulla questione Roma Pride, sulla delicata intromissione di Pro Vita e sul Signorsì!!! del presidente Rocca, scopriamo un’altra questione di nessunissima importanza come l’elezione di Paolo Ciani, una specie di democristiamo alla Scalfaro prima maniera riconvertito al sorriso del nuovo millennio, come vice capogruppo del PD alla Camera. La scelta sarebbe proprio della segretaria che non parla. Anzi, no. Di Chiara Braga, almeno stando all’intervista di Repubblica.

L’intervista non aggiunge nulla di nuovo sul fronte PD che sappiamo come la pensa sui diritti individuali avendoci messo vent’anni a trovare la quadra su una legge sulle Unioni Civili monca come quella italiana, ma ha un passaggio interessante che vogliamo riproporvi:

Della Gestazione per altri cosa pensa?
“Sono contrario, penso alle posizioni del mondo cattolico ma anche a quelle di un pezzo di mondo femminista. Conoscendo bene il Sud America, so come questa pratica si trasformi nello sfruttamento di donne povere, una mercificazione del corpo. Ma non amo fare battaglie ideologiche, quindi sono favorevole alla registrazione dei figli di coppie Lgbt+. E il reato universale per la Gpa proposto dalla destra mi sembra proprio questo, una battaglia ideologica. Sbagliata”.

Troppa grazia.

Ciani non è iscritto al PD. E’ fondatore del movimento Demos. Che è un partito. Almeno non moriremo democristiani, ma Demoscristiani. Naturalmente nemmeno ci pensa ad iscriversi. A dimostrazione che nel larghissimo orizzonte del partito c’è proprio spazio per tutti, basta non essere di sinistra nemmeno a fare finta e se lo si è, tocca subito ritrovare un equilibrio a destra con qualcuno che somigli nemmeno troppo lontanamente a Roccella – nelle posizioni politiche naturalmente, lei è molto più attraente.

Così ora sono quattro i vice capogruppo del PD: così che il partito possa scannarsi meglio. E non uno che valga la pena di essere ricordato. Ogni giorno una gioia.

FIORANO MODENESE