In relazione alla contraffazione di mattonelle che vede indagate tre persone, registriamo “l’indignazione” del Sindaco di Fiorano Modenese

Altre Notizie

Condividi

di Redazione #FioranoModenese twitter@sassuolnewsgaia #Cronaca

 

In merito alla vicenda della contraffazione sulla ceramica made in Italy per cui sono indagate tre persone del territorio, il sindaco di Fiorano Modenese, Francesco Tosi, ha voluto esprimere il suo commento.

“Ho appreso con forte indignazione dalla stampa locale la notizia relativa a “tre ceramicai indagati”per falso made in Italy. Piastrelle importate da Taiwan recanti il marchio “Ceramics of Italy”. Non ci sono parole per indicare la gravità di un simile atto e, al tempo stesso, la meschinità di persone che vivono sul territorio e sono pronte a danneggiarlo con modalità così subdole e così vili. Per conseguire facili guadagni generati dalla illegalità, ci si fa beffa di tutto il lavoro compiuto sul nostro territorio con serietà, ingegno, ricerca, coraggio e decenni di investimento , lavoro che ha generato un distretto dalle caratteristiche uniche e studiato nel mondo. I responsabili di un gesto simile devono vergognarsi ed allontanarsi dal mondo economico locale; questi non sono imprenditori, bensì ladri privi di coscienza”.

 

(14 agosto 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: