28.5 C
Sassuolo
29 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità

CRONACA

Pubblicità

FIORANO MODENESE

EMILIA-ROMAGNA

HomeCopertina ModenaLa produzione ERT “Il Capitale. Un libro che ancora non abbiamo letto” di...

La produzione ERT “Il Capitale. Un libro che ancora non abbiamo letto” di Kepler-452, fino al 3 giugno al Kunstenfestivaldesarts di Bruxelles

Pubblicità
Iscrivetevi al nostro Canale Telegram

Il Capitale. Un libro che ancora non abbiamo letto della compagnia bolognese Kepler-452 e prodotto da Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale è ospite, grazie al supporto dell’Istituto Italiano di Cultura a Bruxelles e il Ministero della Cultura Italiano, al Kunstenfestivaldesarts di Bruxelles, storico festival internazionale di teatro, danza, film, mostre e musica nato nel 1994 e oggi diretto da Frederik Verrote, Daniel Blanga Gubbay, Dries Douibi. Grande curiosità e attesa per l’arrivo di Kepler-452 a Bruxelles: i biglietti per le quattro repliche, dal 31 maggio al 3 giugno (mercoledì e sabato ore 20.30, giovedì 18.00, venerdì 20.30 con incontro post spettacolo) al Théâtre Les Tanneurs sono già tutti esauriti.

ERT accompagna il lavoro della compagnia dal 2018, producendo gli spettacoli: Il Giardino dei ciliegi – Trent’anni di felicità in comodato d’uso (Premio Rete Critica 2018) in cui il testo di Cechov incontra la storia di uno sgombero realmente accaduto in Italia nel 2015; F. Perdere le cose che affronta la vicenda di un migrante senza documenti e il reportage teatrale sugli haters Gli Altri.

Il Capitale. Un libro che ancora non abbiamo letto ha debuttato al Teatro Arena del Sole di Bologna lo scorso ottobre a VIE Festival 2022 e anche in questo lavoro, Kepler-452 prosegue la sua ricerca sulla realtà, coinvolgendo sul palcoscenico attori non professionisti.

Il gruppo si avvicina a una delle vicende sociali e politiche che ha fatto molto discutere negli ultimi tempi in Italia, quella del licenziamento collettivo da parte dell’azienda GKN di Campi Bisenzio, e lo fa dopo aver deciso di mettere in scena Il Capitale di Karl Marx.

In un mattino dell’estate 2021, il 9 luglio per la precisione, 422 operai hanno ricevuto una mail: non devono tornare al lavoro il giorno dopo, sono stati licenziati. Da quel giorno hanno occupato la fabbrica, organizzato una mensa, un ufficio propaganda, dei turni di guardia, per impedire che venga smantellata. Nell’autunno dello stesso anno la compagnia entra per la prima volta alla GKN. Gli operai li invitano a mangiare con loro, da quel giorno e per diversi mesi, Borghesi e Baraldi hanno dormito lì, dentro la fabbrica occupata, su due brandine, intervistando centinaia di operai, partecipando a picchetti, assemblee, manifestazioni; hanno ascoltato, osservato, cercando di volta in volta di tornare alle pagine di Marx per tentare di instaurare un dialogo creativo tra Il Capitale e quello che succede al presidio, tra un classico della letteratura filosofica ed economica e un gruppo di esseri umani in carne e ossa. Poi la loro attenzione si è concentrata su tre persone in particolare: Iorio, manutentore, Felice, operaio addetto al montaggio e Tiziana, operaia addetta alle pulizie, che hanno invitano in scena con loro.


Kepler-452
Il Capitale. Un libro che ancora non abbiamo letto
un progetto di Kepler-452

drammaturgia e regia Enrico Baraldi e Nicola Borghesi
con Nicola Borghesi
e Tiziana De Biasio, Felice Ieraci, Francesco Iorio – Collettivo di fabbrica lavoratori GKN
e con la partecipazione di Dario Salvetti

 

 

(30 maggio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



Comune di Sassuolo
cielo sereno
27.1 ° C
28.5 °
26.6 °
40 %
0.9kmh
8 %
Gio
34 °
Ven
36 °
Sab
34 °
Dom
33 °
Lun
23 °

LEGGI ANCHE