La Rai risponde a Menani dicendogli di “chiamare l’antennista” e lui ha persino il coraggio d’inorgoglirsi

Altre Notizie

Condividi

di Giancarlo Grassi

È arrivata nella mattinata del 14 luglio la risposta della Rai alla lettera inviata nei giorni scorsi da parte del Sindaco di Sassuolo Gian Francesco Menani in cui denunciava, a diversi mesi dallo switch off, ancora la carente se non assente presenza dei segnali Hd dei principali canali del Servizio Pubblico.

Naturalmente il Sindaco del paesotto si inorgoglisce – e quando mai riceverà ancora una risposta dalla Rai? – e arriva a gonfiarsi della maleducazione con la quale scrisse alla presidente Rai tacciandola di incapacità e invitandola a dimettersi (trovate la lettera originale al link in alto”. Il Sindaco della città che non c’è – che è quella che lui racconta – arriva addirittura a parlare di “un’interrogazione parlamentare” (mentre si è trattato di un consiglio d’amministrazione), e si gonfia della sua lettera grazie alla quale “Rai ha deciso di rispondere attraverso una lettera firmata dal Direttore Reti e Piattaforme. A loro parere, ora, le frequenze sono raggiungibili, è sufficiente direzionare l’antenna in diverso modo, attraverso l’intervento di un antennista qualificato, per poter godere di un ottimo segnale. Vigileremo pronti ad intervenire nuovamente qualora il problema non sia davvero risolto”. Ma non ne ha affatto compreso il contenuto. Perché in soldoni, qualcuno lo spieghi a Menani, la Rai gli risponde che basta chiamare l’antennista. E soltanto un primo cittadino politicamente incapace può vendere come una vittoria una risposta nella quale, in soldoni, gli si dà dell’ignorante. A lui e ai suoi concittadini.

La lettera recita infatti:

“In accordo con l’impegno preso e comunicatogli con lettera prot. RP/D/2022/0000382/P/C del 19/05/2022, le operazioni di adattamento della rete di diffusione veneto-emiliana, resesi necessarie a seguito dell’attivazione di un nuovo trasmettitore, sono state condotte nel rispetto delle tempistiche fissate ed hanno portato a dei sostanziali miglioramenti nella ricezione dei segnali Rai diffusi sul territorio. Dalle misure e dai sopralluoghi condotti è infatti emerso che il contenuto del principale Multiplex Rai (denominato “MUX MR” che trasmette Rai1HD, Rai2HD, Rai3 e RaiNews24) trasmesso dall’impianto Sassuolo risulta adesso ricevibile con ottima qualità in tutto il territorio comunale. Alla luce di quanto detto, non possiamo che attribuire le lamentele riportateci ad un’errata predisposizione degli impianti di ricezione dell’utenza. Dai sopralluoghi summenzionati si è effettivamente riscontrato che parte dell’utenza direziona erroneamente le proprie antenne esclusivamente verso l’impianto Monte Venda precludendosi così la possibilità di ricevere correttamente il principale Multiplex Rai. Al fine di ridurre al minimo i disagi, riteniamo pertanto opportuno che le Istituzioni locali informino la popolazione della necessità di adeguare, con il supporto di un antennista qualificato, il proprio impianto d’antenna. Rai conferma, ove necessario, la propria disponibilità per eventuali ulteriori chiarimenti tecnici. Certi che quanto fatto vada nel senso auspicato della migliore fruibilità del servizio pubblico radiotelevisivo, e con la speranza di una risoluzione definitiva delle problematiche riscontrate, cogliamo l’occasione per inviare distinti saluti”.

Le conclusioni ai lettori: il Sindaco Menani, della Sassuolo che non c’è e che vede soltanto lui, ritiene una vittoria ricevere una lettera dove gli si dice, come a uno scolaretto, ciò che deve suggerire alla popolazione come primo cittadino. Magari dopo averlo fatto lui per primo. Una figuraccia che non è nemmeno una barzelletta, ma solo il trionfo del provincialismo dell’incultura cavallo di battaglia di questa indimenticabile giunta leghista retta [sic] dall’altrettanto indimenticabile Menani.

 

(16 luglio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: