Lavoro irregolare, da una lamentela per rumore emerge un caso di lavoro nero

Altre Notizie

Andrea Pennacchi, comico geniale, al Teatro Cinema Boiardo il 16 febbraio con “Mio padre – Appunti sulla guerra civile”

di Redazione Spettacoli Domenica 6 maggio 1945, alle 10 e tre quarti, mio padre, nome di battaglia Bepi, mio zio Vladimiro e il tenente degli alpini Stelio Luconi medaglia d’oro al valor militare in Russia scoprono di aver vinto la Seconda Guerra Mondiale. Quando è morto mio padre, mi sono svegliato di colpo, come ci si […]

Bologna, dodici misure cautelari tra appartenenti al Collettivo Universitario Autonomo e Laboratorio Cybilla

di Redazione Bologna Questa mattina la DIGOS della Questura di Bologna ha eseguito su disposizione della locale Procura della Repubblica, nella persona del Procuratore Capo dott. Giuseppe Amato e del dott. Antonio Gustapane, titolare delle indagini, 12 misure cautelari, emesse dal G.I.P. del Tribunale di Bologna, dott. Claudio Paris, a carico di altrettanti appartenenti del Collettivo […]

“Peng”, al Teatro delle Passioni dal 9 al 12 febbraio 2023

di Redazione Spettacoli Dal 9 al 12 febbraio (giovedì e venerdì ore 20.30, sabato 19.00 e domenica 16.00) prosegue con Peng il percorso Le Passioni allo Storchi, cinque allestimenti che disegnano un filo rosso dedicato al Teatro delle Passioni. Lo spettacolo è allestito direttamente sul palcoscenico su una gradinata con 50 posti, in stretta prossimità […]

Il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano è il primo in Europa con doppia certificazione FSC e PEFC per la gestione forestale sostenibile e i servizi...

di Redazione Bologna In Italia i boschi arrivano a coprire il 37% del territorio: un grande valore che deve però essere gestito in maniera opportuna[1]. È infatti necessario tutelare il patrimonio forestale e arboreo italiano a 360 gradi, tenendo conto dei suoi “servizi ecosistemici”, ovvero i benefici multipli forniti dagli ecosistemi al pianeta e al genere […]

Abusivismo commerciale, la Polizia Locale ha sequestrato 230 pezzi di articoli in pelle contraffatti

di Redazione Bologna Nel corso dei sevizi di contrasto all’abusivismo commerciale, sabato 4 febbraio, agenti del reparto Commerciale della Polizia Locale hanno sequestrato circa 230 pezzi di merce contraffatta in tre interventi: uno in via Montebello e due in via Indipendenza dove, dopo il primo sequestro, alcuni venditori avevano deciso di riposizionarsi. In particolare, un venditore […]

Condividi

di Redazione, #Modena twitter@modenanewsgaia #Lavoro

 

Sono partiti da un normale controllo stradale della Polizia locale gli accertamenti che hanno fatto emergere un caso di lavoro nero in cui ad essere impiegato come muratore era un giovane tunisino irregolare sul territorio italiano.

In un altro caso, le verifiche dello stesso Nucleo Antievasione della Municipale che hanno portato a scoprire una badante retribuita all’insaputa del fisco hanno preso il via, addirittura, da una segnalazione per rumore. La segnalazione giunta al Comando della Polizia locale era relativa a un alloggio gestito da Acer, situato nella zona nord est della città, dove avrebbero dovuto abitare un’anziana signora con il figlio. Dai controlli effettuati sul posto è però emerso che nell’appartamento con l’ultranovantenne non abitava il figlio, che pur vi aveva la residenza nonostante vivesse con la moglie in un’altra zona di Modena, ma una 46enne di nazionalità ucraina, sprovvista di regolare permesso di soggiorno, a cui una delle figlie dell’anziana corrispondeva, in nero, un compenso mensile per l’assistenza prestata alla madre. La signora ucraina è stata denunciata per violazione delle norme sull’immigrazione, mentre nei confronti della figlia dell’anziana che la retribuiva, oltre alla comunicazione alla Procura presso il Tribunale di Modena, è scattata la segnalazione all’Ispettorato Nazionale del Lavoro per l’impiego di un lavoratore senza regolare posizione contrattuale.

La Polizia locale ha fatto segnalazioni all’Ispettorato del lavoro ma anche all’Agenzia delle Entrate per l’imprenditore di origini campane, titolare di una ditta edile con sede a Modena, che da due anni impiegava senza un regolare contratto di lavoro e di conseguenza senza le tutele previste dalla legge, il giovane tunisino privo di permesso di soggiorno e anch’egli denunciato per violazione alle norme sull’immigrazione.

L’impiego di lavoratori irregolari costituisce un’attività illecita e una condotta evasiva per il fisco e comporta una pena che prevede la reclusione da sei mesi a tre anni e una multa di 5000 euro per ogni lavoratore irregolare impiegato.

 

 

(3 dicembre 2019)

@gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 




 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: