Al Teatro Duse in scena lo spettacolo “LEI”, evento conclusivo dell’edizione 2019 “Narrare le mafie”

Altre Notizie

Emilio Campanella torna su Rubens, con la solita classe (e in #podcast)

Il nostro critico d’arte Emilio Campanella torna su Rubens a Genova, dopo averne parlato diffusamente “deliziandovi” e “meravigliandovi” dopo avere visitato le ville genovesi “attorno” a Rubens. (5 febbraio 2023) ©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata        

Arte Fiera, si conclude la 46ª edizione

di Redazione Bologna Chiusa 46ª edizione di Arte Fiera, organizzata da BolognaFiere nel Quartiere fieristico di Bologna, con la presenza di 50 mila visitatori, in linea con le edizioni pre-Covid e in netto recupero rispetto all’edizione del 2022. Ottime frequentazioni del pubblico nazionale e internazionale di collezionisti e vip, effetto di un’attenta selezione e campagna […]

Teatro Duse. Filmusic, concerto in maschera dell’Orchestra Senzaspine il 6 e 7 febbraio

di Redazione Bologna Attesissimo dal pubblico e dagli stessi musicisti, il 6 e 7 febbraio alle ore 21 torna al Teatro Duse di Bologna, Filmusic, concerto in maschera dell’Orchestra Senzaspine, che quest’anno sarà proposto nella versione ‘The best of’ per festeggiare la sua decima edizione e l’incredibile sequenza di stagioni tutte sold out. Il concerto sarà […]

Condividi

di Redazione, #Bologna twitter@bolognanewsgaia #Spettacoli

Lunedì 9 dicembre alle 21 al Teatro Duse di via Cartoleria andrà in scena lo spettacolo LEI, prodotto da Caracò teatro, Luce narrante, con la regia di Carlo Caracciolo, drammaturgia di Alessandro Gallo e Lorenzo Garozzo, in collaborazione con Casa delle donne per non subire violenza – progetto Oltre la strada.

LEI, evento a ingresso gratuito aperto a tutta la cittadinanza, chiude l’edizione 2019 di Narrare le mafie. Sguardi sul contemporaneo tra azioni di contrasto e valorizzazione della cultura della legalità, progetto del Comune di Bologna, realizzato nell’ambito di un Accordo di programma con la Regione Emilia-Romagna sostenuto dalla Legge regionale n. 18/2016, con il patrocinio dell’Associazione Avviso Pubblico e in collaborazione con la Fondazione Cineteca di Bologna.

Lo spettacolo indaga il fenomeno della tratta delle donne a opera della mafia nigeriana raccontando la storia violenta e a tratti marginale di LEI, simbolo del legame perverso e disumano tra caporalato e sfruttamento della prostituzione. Un viaggio attraverso la non-fiction che trae spunto da storie di ordinaria violenza, tra schiavitù nei campi, viaggi accartocciati con altri corpi, la ribellione allo sfruttamento e gli inganni che sono costrette a vivere e a subire le donne vittime della tratta.

 

 

(3 dicembre 2019)

@gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 




 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: