Le scuole pubbliche di Seattle contro i social: danneggiano la salute mentale degli studenti

Altre Notizie

Le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano

di Redazione Scandiano La mattina del 27 gennaio le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano. Prima della commemorazione ufficiale, il sindaco Matteo Nasciuti ha lucidato la pietra d’inciampo dedicata a Guglielmo Corradini, antifascista e partigiano scandianese deportato e ucciso a Mathausen, in piazza Spallanzani. Con lui anche un parente di Corradini, Luca Basenghi, con la figlia […]

La Rocca di Scandiano in rosa per onorare il Giro d’Italia

di Redazione Sport Mancano 100 giorni alla partenza del Giro d’Italia 2023, qualcuno in più alla prima storica partenza di tappa da Scandiano, il 16 maggio nella frazione che condurrà i ciclisti a Viareggio. Nella serata del 26 gennaio l’amministrazione comunale ha dato appuntamento davanti alla Rocca a tutte le ciclistiche scandianesi per dare ufficialmente il […]

Condividi

di Paolo M. Minciotti

Con un corposo dossier di oltre novanta pagine le scuole pubbliche di Seattle hanno intentato una nuova mega causa contro i giganti del social networking proprietari di TikTok, Instagram, Facebook, YouTube e Snapchat; l’accusa è quella di essere responsabili dei danni alla salute mentale di milioni di ragazzi.

Lo scrive il quotidiano Repubblica citando ABC news.

Secondo il documento presentato in tribunale dal 2009 al 2019 si è registrato un aumento del 30% degli studenti delle scuole pubbliche della città che hanno rivelato di sentirsi “tristissimi o senza speranza” quasi ogni giorno per due settimane o oltre di seguito”. Le scuole accusano i social media di essere responsabili della maggiore diffusione di una serie di patologie tra le quali ansia, depressione, problemi alimentari e cyberbullismo. L’accusa non si ferma qui. Secondo le scuole i social rendono più difficile svolgere il lavoro di istruire gli studenti e costringono gli istituti a rivolgersi a professionisti esterni che supportino gli istituti scolastici nel campo della salute mentale, per sviluppare piani didattici alternativi e paralleli sugli effetti dei social media, nonché a formare gli insegnanti sui temi legati all’uso dei social.

Le scuole richiedono un risarcimento danni e il pagamento per le azioni di prevenzione e le cure per l’uso eccessivo e problematico dei social media.

 

(8 gennaio 2022)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: