Matteo Salvini e la strategia (sbagliata) di tenere il governo sulla graticola

Altre Notizie

Andrea Pennacchi, comico geniale, al Teatro Cinema Boiardo il 16 febbraio con “Mio padre – Appunti sulla guerra civile”

di Redazione Spettacoli Domenica 6 maggio 1945, alle 10 e tre quarti, mio padre, nome di battaglia Bepi, mio zio Vladimiro e il tenente degli alpini Stelio Luconi medaglia d’oro al valor militare in Russia scoprono di aver vinto la Seconda Guerra Mondiale. Quando è morto mio padre, mi sono svegliato di colpo, come ci si […]

Bologna, dodici misure cautelari tra appartenenti al Collettivo Universitario Autonomo e Laboratorio Cybilla

di Redazione Bologna Questa mattina la DIGOS della Questura di Bologna ha eseguito su disposizione della locale Procura della Repubblica, nella persona del Procuratore Capo dott. Giuseppe Amato e del dott. Antonio Gustapane, titolare delle indagini, 12 misure cautelari, emesse dal G.I.P. del Tribunale di Bologna, dott. Claudio Paris, a carico di altrettanti appartenenti del Collettivo […]

“Peng”, al Teatro delle Passioni dal 9 al 12 febbraio 2023

di Redazione Spettacoli Dal 9 al 12 febbraio (giovedì e venerdì ore 20.30, sabato 19.00 e domenica 16.00) prosegue con Peng il percorso Le Passioni allo Storchi, cinque allestimenti che disegnano un filo rosso dedicato al Teatro delle Passioni. Lo spettacolo è allestito direttamente sul palcoscenico su una gradinata con 50 posti, in stretta prossimità […]

Il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano è il primo in Europa con doppia certificazione FSC e PEFC per la gestione forestale sostenibile e i servizi...

di Redazione Bologna In Italia i boschi arrivano a coprire il 37% del territorio: un grande valore che deve però essere gestito in maniera opportuna[1]. È infatti necessario tutelare il patrimonio forestale e arboreo italiano a 360 gradi, tenendo conto dei suoi “servizi ecosistemici”, ovvero i benefici multipli forniti dagli ecosistemi al pianeta e al genere […]

Abusivismo commerciale, la Polizia Locale ha sequestrato 230 pezzi di articoli in pelle contraffatti

di Redazione Bologna Nel corso dei sevizi di contrasto all’abusivismo commerciale, sabato 4 febbraio, agenti del reparto Commerciale della Polizia Locale hanno sequestrato circa 230 pezzi di merce contraffatta in tre interventi: uno in via Montebello e due in via Indipendenza dove, dopo il primo sequestro, alcuni venditori avevano deciso di riposizionarsi. In particolare, un venditore […]

Condividi




di Redazione, #Politica

Non potendo sopportare che Draghi possa eventualmente assumersi meriti, o possa essere riconosciuto come colui che toglie l’Italia dalle ambasce, a Matteo Salvini non resta che l’opzione dell’attacco e della delegittimazione: ha quindi dato il via alla politica del tenere il governo sulla graticola con una dichiarazione al giorno che si metta di traverso rispetto ad un’azione governativa, in una strategia della tensione politica già inaugurata con pessimi risultato da Matteo Renzi, altrimenti detta strategia dei Mattei.

Dunque la delega ai servizi segreti all’ex capo della Polizia Gabrielli, che è un uomo di stato non un uomo della Lega, diventa merito di Salvini che ci tiene a far sapere ai suoi che ha anche già deciso [sic] chi dovrà assumere anche quell’altra carica e chi dovrà prendere il posto di questo e quell’altro per accerchiare Lamorgese e tornare al ministero degli Interni secondo Matteo, sempre quello che si affogò in un mojito.

La questione è nota e Salvini l’ha già sperimentata con un certo successo nei sondaggi anche nel 2018, ma il risultato finale non gli ha poi dato ragione fino in fondo avendo egli perso le elezioni che più gli interessavano, quelle in Emilia-Romagna e Toscana, vincendo solo dove è stato superato da Fratelli d’Italia, già abbondantemente più all’estrema destra di lui.

Dunque è bene sapere che Salvini al governo non è il Salvini tracotante che esce sui giornali e su tutte le televisioni come se ne fosse il padrone e signore, ma è uno che governa con pochissimi margini un partito sempre più a guida Giorgetti e Zaia, con diversi processi sul groppone, con una giunta lombarda assediata dalle procure e che, in breve tempo, si troverà dentro la Lega nel medesimo casino in cui si trova ora Zingaretti dentro il PD. Un segretario dimezzato, insomma, che sta in un governo di unità nazionale che grazie alle sue scorribande è sempre più un governo di casino nazionale, e un Salvini che non si può assumere la responsabilità di far cadere un governo nato per la salvezza dell’Italia. A meno che la sindrome dei Mattei non sia proprio qualcosa di terribilmente serio e politicamente incurabile.

 

(26 febbraio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: