Modena, imposta non pagata sui manifesti funebri. Indagini della Polizia Locale

Altre Notizie

Venerdì 10 è il Giorno del Ricordo

di Redazione Modena Venerdì 10 febbraio si celebra il Giorno del Ricordo dedicato alle vittime delle foibe e dell’esodo giuliano dalmata. Modena ha in programma una cerimonia commemorativa al monumento in pietra carsica in piazzale Natale Bruni, dedicato proprio ai Martiri delle foibe, mentre il “Comitato comunale per la storia e le memorie del Novecento”, […]

Giardini Ducali, rimessa a nuovo dei sentieri ghiaiati

di Redazione Modena Cantiere in corso ai Giardini Ducali di Modena per rimettere a nuovo i sentieri ghiaiati, riqualificando la viabilità agli ingressi e l’area intorno ai giochi. L’intervento, che rientra nell’ambito della manutenzione ordinaria del parco, è coordinato dal servizio di Manutenzione urbana del Comune e durerà circa due settimane. La riqualificazione riguarda in particolare […]

Attacco hacker, alzate le difese del Comune

di Redazione Modena In coincidenza con il massiccio attacco hacker rilevato dall’Agenzia per la cybersicurezza nazionale per diverse istituzioni, il Comune di Modena ha alzato il livello delle proprie difese dei sistemi informatici. Al momento non sono stati segnalati attacchi diretti, ma la struttura tecnica del Comune è in stato di allerta e sono state attivate […]

Condividi

di Redazione, #modena

Uno su cinque dei manifesti di lutto affissi in città dalle agenzie di onoranze funebri non è in regola col pagamento della tassa sulle affissioni. Lo ha scoperto la Polizia locale di Modena, svolgendo nei mesi scorsi una serie di controlli a campione sulle epigrafi di un periodo di alcune settimane nell’ambito degli accertamenti finalizzati al contrasto dell’evasione dei tributi locali. Otto sono state le agenzie di onoranze le funebri coinvolte, la maggior parte delle quali con sede in città, che hanno poi provveduto a regolarizzare le rispettive posizioni.

In particolare, gli operatori del Nucleo anti-evasione e tributi locali hanno riscontrato, per 14 dei 72 manifesti collocati negli appositi spazi in vari punti della città, la mancanza del necessario timbro del concessionario della pubblicità per conto del Comune (Ica srl); il marchio viene applicato in occasione del versamento dell’imposta dovuta, attestando quindi la regolarità della pratica. L’affissione di manifesti funebri privi di timbro è infatti consentita solo nei giorni in cui l’ufficio Ica è chiuso al pubblico, prevedendo comunque, per le agenzie, la regolarizzazione del pagamento nei giorni immediatamente successivi.

Dopo gli approfondimenti necessari, le informazioni sui manifesti di lutto non “timbrati” da Ica sono state quindi trasmesse allo stesso concessionario, che ha verificato la documentazione inviata dalla Polizia locale e ha avviato con le onoranze funebri coinvolte i percorsi finalizzati al recupero degli importi evasi. Il valore complessivo per ogni agenzia è di alcune decine di euro, ma l’iniziativa vuole riaffermare il principio di equità rispetto all’assolvimento dei doveri fiscali e, nei prossimi mesi, il Comando di via Galilei effettuerà ulteriori controlli a campione.

 

(23 agosto 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: