Modena, progetto “Zero Carbon City”. Un incontro sulla sostenibilità urbana con esperti da Manchester

Altre Notizie

Le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano

di Redazione Scandiano La mattina del 27 gennaio le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano. Prima della commemorazione ufficiale, il sindaco Matteo Nasciuti ha lucidato la pietra d’inciampo dedicata a Guglielmo Corradini, antifascista e partigiano scandianese deportato e ucciso a Mathausen, in piazza Spallanzani. Con lui anche un parente di Corradini, Luca Basenghi, con la figlia […]

La Rocca di Scandiano in rosa per onorare il Giro d’Italia

di Redazione Sport Mancano 100 giorni alla partenza del Giro d’Italia 2023, qualcuno in più alla prima storica partenza di tappa da Scandiano, il 16 maggio nella frazione che condurrà i ciclisti a Viareggio. Nella serata del 26 gennaio l’amministrazione comunale ha dato appuntamento davanti alla Rocca a tutte le ciclistiche scandianesi per dare ufficialmente il […]

Condividi

di Redazione, #Modena twitter@modenanewsgaia #Ambiente

 

Un confronto su esperienze, problemi, soluzioni e idee per la sostenibilità urbana è stato l’obiettivo degli incontri che si sono tenuti giovedì 24 ottobre presso il Municipio, con esperti provenienti da Manchester ai quali hanno partecipato tecnici comunali dei settori Ambiente e Pianificazione territoriale e rappresentanti delle associazioni del territorio, nell’ambito del progetto europeo Zcc – Zero carbon city a cui Modena partecipa insieme ad altre sei città europee.

Il progetto è cofinanziato dal Fondo di rotazione nazionale e dal Fesr attraverso il programma europeo Urbact III che ha l’obiettivo di migliorare la capacità delle città europee di attuare politiche urbane sostenibili e rafforzare la loro abilità di programmazione strategica, creando delle reti transnazionali attraverso le quali le città possono confrontarsi e generare nuove idee.

A Zero carbon cities oltre a Modena partecipano Manchester, in qualità di coordinatore, Zara in Croazia, Tartu in Estonia, Bistrita in Romania, Vilvoorde in Belgio e Francoforte in Germania che lavoreranno insieme per arrivare, nel 2022, a elaborare un Piano per città a emissioni zero nel 2050.

Nella prima fase, quella attualmente in corso, nelle singole città si svolgono incontri di formazione e confronto con gli esperti della città capofila per fare il punto sullo stato dell’arte e sui progetti già in corso, individuare i problemi e delineare sfide e possibili strategie politiche. L’incontro modenese, al quale è intervenuta anche l’assessora all’Ambiente Alessandra Filippi, è stato condotto da Kinga Kovacs, esperta di Energy cities nominata dalla rete Zero carbon cities, e da Grainne Bradley e Johnny Sadler, rispettivamente referente della città di Manchester e rappresentante della Manchester climate change agency. Insieme a loro Francesca Poli e Francesca Gaburro di Aess, Agenzia per l’energia e lo sviluppo sostenibile. Nel primo incontro della giornata, gli esperti si sono confrontati con i tecnici del Comune. Agli altri due incontri hanno invece partecipato i rappresentanti di associazioni ed enti del territorio tra i quali Arpae, Seta, Amo, Unimore, Confindustria, Cna, l’Azienda universitaria Policlinico, Hera, Legambiente, Friday for future, Fiab e Medici per l’ambiente.

 

(24 ottobre 2019)

@gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 




 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: