Ospedale di Sassuolo: focolaio Covid in Area Verde. Individuate tre varianti: 15 i casi accertati

Altre Notizie

Le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano

di Redazione Scandiano La mattina del 27 gennaio le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano. Prima della commemorazione ufficiale, il sindaco Matteo Nasciuti ha lucidato la pietra d’inciampo dedicata a Guglielmo Corradini, antifascista e partigiano scandianese deportato e ucciso a Mathausen, in piazza Spallanzani. Con lui anche un parente di Corradini, Luca Basenghi, con la figlia […]

La Rocca di Scandiano in rosa per onorare il Giro d’Italia

di Redazione Sport Mancano 100 giorni alla partenza del Giro d’Italia 2023, qualcuno in più alla prima storica partenza di tappa da Scandiano, il 16 maggio nella frazione che condurrà i ciclisti a Viareggio. Nella serata del 26 gennaio l’amministrazione comunale ha dato appuntamento davanti alla Rocca a tutte le ciclistiche scandianesi per dare ufficialmente il […]

Condividi

di Redazione, #Sassuolo

All’interno dell’area ‘verde’ dell’Ospedale di Sassuolo, dedicata ai pazienti internistici a media intensità di cura, è stato rilevato un principio di focolaio di Covid-19 che, attualmente, interessa 15 pazienti; quelli che hanno richiesto la prosecuzione del ricovero, sono stati spostati all’interno di una delle due aree “Covid” già presenti in ospedale.

Informa un comunicato stampa dell’Ospedale di Sassuolo giunto in redazione.

L’area, continua il comunicato, che non è tra quelle normalmente predisposte in ospedale per l’assistenza dei pazienti positivi al SarsCov2, accoglie soltanto persone che, al momento del ricovero, siano risultate negative al doppio tampone (antigenico + molecolare). Tuttavia, l’elevato numero dei ricoveri gestiti dalla struttura ospedaliera a cavallo dell’ultimo picco pandemico, ha richiesto, per circa due settimane, l’ampliamento del numero dei posti letto dedicati ai pazienti covid positivi interessando anche l’area ‘verde’. Sono ancora in corso, in ogni caso, in stretta collaborazione con il Dipartimento di Salute Pubblica dell’Azienda USL di Modena, le valutazioni sull’origine del focolaio. Il riscontro della positività è emerso grazie al protocollo di screening che l’ospedale ha in atto su tutti i suoi reparti: infatti oltre al tampone al momento del ricovero la sorveglianza dei pazienti “negativi” prosegue a 48 ore dall’ingresso in struttura e, successivamente, ogni 72 ore. L’ipotesi più probabile, secondo l’analisi incrociata del tracciamento dei diversi tamponi eseguiti, è che i primi casi di positività siano da considerarsi come soggetti che incubavano l’infezione già prima del ricovero, risultando positivi solo dopo il terzo tampone.

IL comunicato continua assicurando che tutte le misure di contenimento straordinarie sono già state messe in campo, compreso il posizionamento dei pazienti sospetti in stanza singola. Sono state inoltre ridotte ulteriormente le visite dei parenti, già contingentate ai soli pazienti terminali e non autosufficienti. Già eseguita la completa sanificazione delle stanze e di tutti gli altri ambienti all’interno dell’area ‘verde’.

Dallo screening degli operatori sanitari e di quelli dei servizi che accedono all’area ‘verde’ non è risultato alcun caso di positività al Covid-19. Gli approfondimenti microbiologici richiesti sui tamponi dei pazienti interessati, chiosa l’ufficio stampa dell’Ospedale di Sassuolo, ha evidenziato la compatibilità di 3 varianti del virus: quella classica, quella inglese e quella brasiliana.

 

(9 aprile 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: