Pierferdinando Casini e il partito con Carlo Calenda: la polpetta avvelenata del vecchio democristiano

Altre Notizie

Teatro Duse. Filmusic, concerto in maschera dell’Orchestra Senzaspine il 6 e 7 febbraio

di Redazione Bologna Attesissimo dal pubblico e dagli stessi musicisti, il 6 e 7 febbraio alle ore 21 torna al Teatro Duse di Bologna, Filmusic, concerto in maschera dell’Orchestra Senzaspine, che quest’anno sarà proposto nella versione ‘The best of’ per festeggiare la sua decima edizione e l’incredibile sequenza di stagioni tutte sold out. Il concerto sarà […]

La Polizia di Stato chiude un bar cittadino su ordine del Questore

di Redazione Bologna Nell’ambito dei numerosi servizi di controllo straordinario del territorio in zona Bolognina, il 31 gennaio 2023 il personale del Reparto Prevenzione Crimine durante un’attività finalizzata al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, all’interno del “Bar Cornelia”, rinveniva in un contenitore di rifiuti un involucro contente 31,39 gr. di hashish e, nei pressi […]

“Senza Rete”, il docufilm contro il cyberbullismo su Rai Due il 4 febbraio

di Redazione Bologna “È un incubo e non so come uscirne, vorrei solo sparire per sempre”, con queste parole inizia “Senza Rete”, un docufilm che racconta il cyberbullismo provando a svelarne la natura: un mostro da guardare in faccia per poterlo riconoscere e affrontare. L’idea di questo documentario nasce dall’intervento del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, […]

Condividi

di Daniele Santi #Siamoeuropei twitter@gaiaitaliacom #Politica

 

Il sito associazionepopolari.it parla dell’ultima idea meravigliosa partorita da quel vecchio democristiano di Pierferdinando Casini il quale, complice evidentemente le ottime performance nelle intenzioni di voto di un eventuale movimento guidato da Carlo Calenda ha lanciato la sua polpetta avvelenata. sotto forma di ennesimo suggerimento, uguale a tutti gli altri fallimenti, quelli del 2013 e 2018 sono solo un esempio, di costituzione del ventesimo inutile grande centro della storia repubblicana che riunisca oltre a Casini anche Tabacci, Mara Carfagna, passando natruralmente per Carlo Calenda.

L’articolo intitolato “L’Eterno ritorno del Doroteismo” a firma Cristian Coriolano è molto interessante e non risparmia nulla né a Casini né al viziaccio noto come doroteismo, descritto come “una categoria eterna dello spirito” dove “non contano i programmi, né la cultura politica di riferimento” che “appaiono superflui, inutilmente onerosi, al più decorativi”. L’articolo continua, impietoso, e ricorda uno dopo l’altro i fallimenti del perferdinandismo recente evocando l’immagine di una nave malconcia di centristi da destra e da sinistra che si ritrovano come profughi di un futuro che è sempre troppo in là da venire, alla ricerca di un salvagente. Idee politiche niente.

Carlo Calenda, da parte sua, con lo spirito che lo contraddistingue, risponde con un tweet fulminante che non lascia spazio a dubbi.

 

 

 

 

 

 

 

(22 giugno 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 





 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: