“Riflessione su Regioni e Titolo V”: se ne sono accorti. Meglio tardi che mai

Altre Notizie

Andrea Pennacchi, comico geniale, al Teatro Cinema Boiardo il 16 febbraio con “Mio padre – Appunti sulla guerra civile”

di Redazione Spettacoli Domenica 6 maggio 1945, alle 10 e tre quarti, mio padre, nome di battaglia Bepi, mio zio Vladimiro e il tenente degli alpini Stelio Luconi medaglia d’oro al valor militare in Russia scoprono di aver vinto la Seconda Guerra Mondiale. Quando è morto mio padre, mi sono svegliato di colpo, come ci si […]

Bologna, dodici misure cautelari tra appartenenti al Collettivo Universitario Autonomo e Laboratorio Cybilla

di Redazione Bologna Questa mattina la DIGOS della Questura di Bologna ha eseguito su disposizione della locale Procura della Repubblica, nella persona del Procuratore Capo dott. Giuseppe Amato e del dott. Antonio Gustapane, titolare delle indagini, 12 misure cautelari, emesse dal G.I.P. del Tribunale di Bologna, dott. Claudio Paris, a carico di altrettanti appartenenti del Collettivo […]

“Peng”, al Teatro delle Passioni dal 9 al 12 febbraio 2023

di Redazione Spettacoli Dal 9 al 12 febbraio (giovedì e venerdì ore 20.30, sabato 19.00 e domenica 16.00) prosegue con Peng il percorso Le Passioni allo Storchi, cinque allestimenti che disegnano un filo rosso dedicato al Teatro delle Passioni. Lo spettacolo è allestito direttamente sul palcoscenico su una gradinata con 50 posti, in stretta prossimità […]

Il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano è il primo in Europa con doppia certificazione FSC e PEFC per la gestione forestale sostenibile e i servizi...

di Redazione Bologna In Italia i boschi arrivano a coprire il 37% del territorio: un grande valore che deve però essere gestito in maniera opportuna[1]. È infatti necessario tutelare il patrimonio forestale e arboreo italiano a 360 gradi, tenendo conto dei suoi “servizi ecosistemici”, ovvero i benefici multipli forniti dagli ecosistemi al pianeta e al genere […]

Abusivismo commerciale, la Polizia Locale ha sequestrato 230 pezzi di articoli in pelle contraffatti

di Redazione Bologna Nel corso dei sevizi di contrasto all’abusivismo commerciale, sabato 4 febbraio, agenti del reparto Commerciale della Polizia Locale hanno sequestrato circa 230 pezzi di merce contraffatta in tre interventi: uno in via Montebello e due in via Indipendenza dove, dopo il primo sequestro, alcuni venditori avevano deciso di riposizionarsi. In particolare, un venditore […]

Condividi




di Giovanna Di Rosa #Politica

 

Di questa storia della riforma del titolo V della costituzione, voluta dall’allora presidente D’Alema, ripresa poi proprio da Matteo Renzi che ci si è giocata la carriera politica perché sul Titolo V c’aveva visto lungo, evidentemente non s’è parlato abbastanza se in mattinata addirittura nel dibattito in Senato si è ritornati sulla conflittualità tra riforma del Titolo V e poteri Stato/Regioni.

D’Alema era stato avvertito delle potenziali conflittualità, ma non se ne curò, o chissà cosa successe, salvo poi dire – molto tempo dopo, “Non fui io a cambiare il Titolo V della Costituzione“. Bugia. Non certo la prima. Non certo la più innocua.

Inutile ritornare al referendum che costò il futuro all’Italia e agli effetti di quel “No” che oggi vedono tutti.

Nel caos di questi giorni e nelle miriade di dichiarazioni che si susseguono nel tentativo di salvare il culo a un governo ormai alla canna del gas, ai componenti del quale – non ne salvo nemmeno uno – basterebbe una osservazione critica e sensata della realtà per sapere esattamente cosa fare, l’unica cosa sensata venuta fuori è che senza riforme non si va da nessuna parte, ma se alla necessità di riforme si contrappone un governo la cui unica necessità è riformare se stesso per evitare il ricorso alle urne, tocca capire a chiunque che anche dare torto a Salvini e a Meloni – che hanno torto nel merito e nel metodo – diventa difficile.

Nelle prossime ore la conta (scriviamo attorno alle 13.00) con la possibilità di una maggioranza relativa che non raggiunga i 161 senatori (sapendo che sotto i 161 senatori il governo perderà il controllo delle Commissioni e dovrà vivacchiare per cambiare ogni virgola) e una lenta agonia. A meno che qualcuno non rinsavisca. Per chi crede i miracoli sono sempre possibili.

 

(19 gennaio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: