Sassuolo. “Accordo di rete” per l’accoglienza dei minori ucraini nelle nostre scuole

Altre Notizie

Supporto alla genitorialità, a Bologna attivo un nuovo sportello di consulenza educativa anche per adolescenza e preadoloscenza

di Redazione Bologna È attivo da alcune settimane il nuovo sportello di consulenza educativa rivolto a genitori e adulti di riferimento di adolescenti e preadolescenti promosso da Asp Città di Bologna in collaborazione con il Comune. L’iniziativa, realizzata con il contributo per lo sviluppo e la qualificazione dei Centri per le famiglie e per le […]

Rapina in un supermercato a Bologna

di Redazione Bologna Nel pomeriggio dello scorso 5 dicembre 2022, l’equipaggio di Volante del Commissariato di San Giovanni in Persiceto ha eseguito l’arresto nei confronti di una donna straniera di circa 40 anni per una rapina avvenuta all’interno del supermercato IN’S sito alle porte di San Giovanni in Persiceto. La donna era stata sorpresa dal […]

Meloni è stanca delle “critiche alla manovra”, insomma con le critiche non ce la fanno

di Giovanna Di Rosa La presidente del Consiglio è “stanca delle critiche” alla manovra e trascina Palazzo Chigi sulla pericolosa soglia del come si permettono che è sempre un pessimo segno. Se ci sono critiche ci sono criticità evidentemente, dunque piuttosto che insofferenza sarebbe bene manifestare umiltà, perché chi la bicicletta se l’è cercata poi la bicicletta […]

Condividi

di Redazione Sassuolo 

A causa del conflitto in corso, anche sul territorio del Distretto di Sassuolo sono arrivati numerosi minori profughi ucraini ed altri ne stanno arrivando spesso ospitati presso famiglie o in appartamenti messi loro a disposizione: sono già oltre 20 i bambini inseriti nelle scuole e gli inserimenti continuano.

Si è infatti costituto un pronto coordinamento tra Comune e le istituzioni scolastiche di base di Sassuolo, per approntare le possibili migliori prassi di accoglienza scolastica dei profughi in età dell’obbligo, sempre sulla base delle informazioni dei Servizi Sociali e del Servizio Sanitario appositamente a disposizione.

Saranno realizzate, tra l’altro, riunioni costanti  di monitoraggio e co-progettazione con tutti i soggetti firmatari e saranno organizzate le  attività di mediazione linguistica-culturale nelle scuole che ne faranno richiesta, con il  competente coordinamento del CPIA, che organizzerà le presenze degli studenti  di origine Ucraina nelle realtà scolastiche. L’Accordo di Rete prevede inoltre un importante e basilare ruolo di coordinamento da parte personale incaricato del servizio Istruzione comunale che da subito, in accordo con le istituzioni scolastiche del territorio, ha provveduto a facilitare gli inserimenti, considerando sia la logistica (possibile vicinanza delle sedi scolastiche) sia la disponibilità nei vari ordini di classi su indicazioni delle dirigenze scolastiche stesse. Dal punto di vista amministrativo l’Amministrazione comunale, in attesa di future disposizioni in merito, ha comunque già messo a disposizione per le famiglie e le realtà ospitanti i Servizi comunali che necessitano, quali mensa e trasporto, per il buon inserimento scolastico dei minori profughi ucraini.

Resta da capire, e la considerazione è politica, come si concili tutto questo con il negazionismo della guerra in Russia e con l’evitare accuratamente di pararne, e di nominare chi l’ha ordinata e ordita, che il partito di maggioranza in consiglio comunale, la Lega per chi se lo fosse dimenticato, sta mettendo in atto a livello nazionale e di comunicazione.

 

(9 aprile 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: