“Tutto fa brodo” #Inscena al Teatro della Passioni, dal 15 al 27 ottobre

di Redazione #Teatro twitter@modenanewsgaia #Inscena

 

Dopo il successo dello spettacolo Cantina, che la scorsa stagione ha incontrato il favore di pubblico e critica, ERT affida agli artisti della compagnia belga Laika, Peter De Bie e Jo Roets, insieme all’attore e regista Michiel Soete, l’allestimento di Tutto fa brodo, in scena in prima assoluta al Teatro delle Passioni dal 15 al 27 ottobre. Tra l’estate e l’autunno del 2019, gli artisti hanno guidato gli allievi della Scuola di Teatro Iolanda Gazzerro di ERT in un lungo percorso di alta formazione alla scoperta del loro sorprendente “teatro dei sensi”.

Sperimentazione teatrale e culinaria hanno accompagnato i giovani attori fino alla realizzazione di Tutto fa brodo: la passione per la letteratura, la percettività e gli esperimenti in cucina sono la base dell’espressività di Laika e del loro originale teatro ludico. Composta da artisti con formazione e background molto diversi fra loro, la compagnia crea spettacoli vivaci e intensi, produzioni fantasiose che si rivolgono all’immaginazione di bambini e adulti che non hanno mai perso la capacità di stupirsi: che si tratti di sentimenti, idee, gusti, odori o colori, per Laika il mondo è un grande parco giochi.

Lo spettacolo è strutturato come un patchwork o un collage: scene e storie orientate alle infinite avventure e ai sogni di Don Chisciotte di Cervantes sono intrecciate ad aneddoti raccolti da eventi di attualità o persino da vicissitudini personali degli attori. Lo spettacolo sarà ispirato da situazioni o luoghi che hanno a che fare con il cibo e con l’atto di cucinare o mangiare, azioni che mettono in connessione persone con esperienze, radici e culture diverse fra loro.

Tutto fa brodo si conclude con un pasto completo, preparato e servito dagli attori al pubblico: le portate saranno collegate a quanto visto e sentito. Mentre tagliano un porro, fanno a fette i cetrioli, grattugiano lo zenzero, tostano le noci o spremono i limoni, gli attori iniziano a raccontare storie e a recitare scene tenute insieme da una cornice narrativa e da un tema centrale.

In un’epoca in cui realtà e finzione, verità e menzogna si confondono, e in cui la mediocrità sembra essere un passepartout universale, il teatro è chiamato a reinventare il mondo. Così come Don Chisciotte dà spazio all’immaginazione e alla sorpresa, gli artisti devono superare gli ostacoli e navigare a gonfie vele verso un oceano di possibilità, per aprire le porte all’inatteso, alla fantasia e al capovolgimento delle conclusioni scontate.

 

Peter De Bie ha lavorato come business manager di Blauw Vier [Blu Quattro], con cui Laika inizia la sua avventura nel 1991 con un repertorio di spettacoli per bambini e adolescenti, guadagnandosi sin da allora un’ottima reputazione internazionale, prima di diventare artista culinario nel 1998. Attualmente crea spettacoli sensoriali. Nel percorso con la compagnia Laika, continua a esplorare il mondo dei cinque sensi, rovesciando, nel processo, le più diffuse convenzioni teatrali. Indaga e rimodella la forma e crea un concetto teatrale che richiede partecipazione attiva da parte del pubblico, che è il motivo per cui spesso lavora con persone estranee all’ambiente teatrale: cuochi, musicisti, artisti circensi, scultori, ecc. Annusare, assaggiare e toccare sono importanti tanto quanto vedere e ascoltare. Le caratteristiche uniche della sua attività lo hanno reso celebre su scala internazionale.

Jo Roets è drammaturgo e direttore artistico della compagnia teatrale Laika. Lavora in teatro in qualità di attore, autore e regista dal 1989. Il piacere di raccontare storie, grandi e piccole, sul palcoscenico è ciò che lo guida. I suoi adattamenti dei classici, del teatro e della letteratura, come ad esempio Rostand, Dostoevskij, Shakespeare, sono stati apprezzati per la loro potente chiarezza e per il loro linguaggio visivo. Negli ultimi anni si è anche confrontato con testi di autori come Filip Vanluchene, Gerda Dendooven, Bart Moeyaert, Judith Herzberg, Jean-Michel Räber e Angela Carter. Il lavoro di Roets è stato portato in scena e applaudito in numerosi festival, in patria e all’estero.

Michiel Soete lavora come regista e attore freelance per diversi teatri. Con Bas Devos ha creato cinque spettacoli con un’atmosfera e una scenografia di impianto cinematografico. Ha anche dato vita a spettacoli con adolescenti. Opera spesso in contesti artistico-sociali (ad esempio, con persone con lesione cerebrale non congenita o con minori richiedenti asilo). Come attore ha spesso collaborato con la compagnia Laika, per la quale ha recitato negli spettacoli Me Gusta, Cucinema, Diner Futurist, Aromagic, e realizzato le messe in scena di Piknik Horifik e Cantina. È pianista e compositore.

La Scuola di Teatro Iolanda Gazzerro, diretta da Claudio Longhi, nasce nel 2015 con l’obiettivo di formare interpreti internazionali completi e versatili. I percorsi di formazione della Scuola sono approvati dalla Regione Emilia-Romagna e cofinanziati dal Fondo Sociale Europeo, e offrono un servizio totalmente gratuito per gli allievi, selezionati tramite bando pubblico. I corsi sono realizzati in partenariato con l’Università di Bologna Alma Mater Studiorum – Dipartimento delle Arti, con l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia – Dipartimento di studi linguistici e culturali, con la Fondazione Cineteca di Bologna e con la Fondazione Teatro Comunale di Modena. Tutto fa brodo è una produzione collegata al corso Perfezionamento attoriale internazionale*, a conferma che per la Scuola ERT la formazione dell’attore trova il suo complemento nei processi produttivi del teatro. Inoltre, a settembre 2019 è iniziato il corso Perfezionamento: Dramaturg internazionale*, mentre a fine ottobre partirà il corso Fondamenti di pratiche attoriali*.

 

Conversando di teatro

Un’occasione per incontrare i protagonisti della nuova stagione, per approfondire la conoscenza dei processi creativi, riconoscere i nessi tra lo spettacolo e la realtà di tutti i giorni, scoprire i segreti del “fare scenico” dalle parole degli stessi artisti. Gli appuntamenti di Conversando di teatro sono realizzati in collaborazione con gli Amici dei Teatri Modenesi e sono curati dal critico e Dramaturg Marzio Badalì.

 

Tutto fa brodo
uno spettacolo di Jo Roets, Peter De Bie e Michiel Soete / Compagnia Laika

liberamente ispirato a Don Chisciotte della Mancia di Miguel de Cervantes Saavedra
con Rocco Ancarola, Gabriele Anzaldi, Simone Baroni, Giorgia Iolanda Barsotti, Oreste Leone Campagner, Pietro Casano, Giulio Germano Cervi, Brigida Cesareo, Giorgia Favoti, Elena Natucci, Marica Nicolai, Nicoletta Nobile, Iacopo Paradisi, Carlo Sella, Martina Tinnirello, Leonardo Tomasi, Cristiana Tramparulo, Giulia Trivero, Massimo Vazzana
produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione
collegata al corso “Perfezionamento attoriale internazionale”, cofinanziato dal Fondo sociale europeo, Regione Emilia-Romagna

in coproduzione con Compagnia Laika
con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Modena
prima assoluta
spettacolo culinario in italiano con sovratitoli in inglese

Informazioni e prenotazioni Teatro delle Passioni: biglietteria@emiliaromagnateatro.com | modena.emiliaromagnateatro.com.

 

(11 ottobre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 


 

 

 

 




 

 

 




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: