11.1 C
Sassuolo
15.4 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaUn governo del popolo non dovrebbe soffiare sul fuoco delle tensioni sociali

Un governo del popolo non dovrebbe soffiare sul fuoco delle tensioni sociali

Le raccapriccianti modalità con le quali il governo Meloni che lavora per il popolo in accordo con i desideri degli Italiani – che non hanno votato la Signora presidente del Consiglio per affamare la gente – non fa onore né al governo, né all’Italia, né all’Inps e nemmeno a Meloni Giorgia. E non sta in piedi la giustificazione: lo abbiamo detto per otto mesi. Le modalità sono ingiustificabili: non comunichi alla gente che la lasci senza un reddito via sms. Se lavori per il popolo e in nome del popolo su mandato del popolo.

Insomma siamo al trionfo del governo Meloni populista, ma non nel senso che lei intende. E forse alla soglia di una serie di tensioni sociali destinate a crescere perché se poco prima di comunicare alla gente che lasci senza un soldi via SMS rimetti in vigore i vitalizi per la solita casta oltre a non farci una gran figura, rischi che la tensione sociale esploda sul serio perché mentre si doveva lavorare per dare da mangiare alla povera gente e per creare opportunità si pensava alle leggi contro i rave, perché in questo paese viene sempre prima l’essenziale.

E l’essenziale per il governo Meloni vale 350 euro: infatti circa la metà di coloro che hanno perso il reddito di cittadinanza, dopo la “pausa” di agosto, dovrebbero ricevere da settembre i 350 euro previsti dalla riforma come contributo per la formazione al lavoro da trovare. Nel frattempo, con 350 euro, pagare la spesa, le bollette, l’affitto, la benzina e insomma. Stiamo dicendo che il governo accende, apposta, i conflitti sociali? No. Stiamo dicendo che fa le cose coi piedi privilegiando il suo elettorato e non quel popolo con il quale inutilmente i suoi esponenti si riempiono la bocca tacendo, invece, sul fatto che il futuro non è affatto roseo e non è l’Italia a crescere più dell’UE, ma è l’UE che, momentaneamente, va più piano dell’Italia, congiuntura che non rende automaticamente Meloni una nuova Churchill e che non durerà in eterno che, al contrario, dovrebbe preoccupare seriamente Meloni e il suo entourage di lillipuziani della politica.

 

 

(30 luglio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



FIORANO MODENESE