Ungheria e Polonia, paesi amici di Salvini e Meloni, bloccano il bilancio UE e il Recovery Fund

Altre Notizie

Andrea Pennacchi, comico geniale, al Teatro Cinema Boiardo il 16 febbraio con “Mio padre – Appunti sulla guerra civile”

di Redazione Spettacoli Domenica 6 maggio 1945, alle 10 e tre quarti, mio padre, nome di battaglia Bepi, mio zio Vladimiro e il tenente degli alpini Stelio Luconi medaglia d’oro al valor militare in Russia scoprono di aver vinto la Seconda Guerra Mondiale. Quando è morto mio padre, mi sono svegliato di colpo, come ci si […]

Bologna, dodici misure cautelari tra appartenenti al Collettivo Universitario Autonomo e Laboratorio Cybilla

di Redazione Bologna Questa mattina la DIGOS della Questura di Bologna ha eseguito su disposizione della locale Procura della Repubblica, nella persona del Procuratore Capo dott. Giuseppe Amato e del dott. Antonio Gustapane, titolare delle indagini, 12 misure cautelari, emesse dal G.I.P. del Tribunale di Bologna, dott. Claudio Paris, a carico di altrettanti appartenenti del Collettivo […]

“Peng”, al Teatro delle Passioni dal 9 al 12 febbraio 2023

di Redazione Spettacoli Dal 9 al 12 febbraio (giovedì e venerdì ore 20.30, sabato 19.00 e domenica 16.00) prosegue con Peng il percorso Le Passioni allo Storchi, cinque allestimenti che disegnano un filo rosso dedicato al Teatro delle Passioni. Lo spettacolo è allestito direttamente sul palcoscenico su una gradinata con 50 posti, in stretta prossimità […]

Il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano è il primo in Europa con doppia certificazione FSC e PEFC per la gestione forestale sostenibile e i servizi...

di Redazione Bologna In Italia i boschi arrivano a coprire il 37% del territorio: un grande valore che deve però essere gestito in maniera opportuna[1]. È infatti necessario tutelare il patrimonio forestale e arboreo italiano a 360 gradi, tenendo conto dei suoi “servizi ecosistemici”, ovvero i benefici multipli forniti dagli ecosistemi al pianeta e al genere […]

Abusivismo commerciale, la Polizia Locale ha sequestrato 230 pezzi di articoli in pelle contraffatti

di Redazione Bologna Nel corso dei sevizi di contrasto all’abusivismo commerciale, sabato 4 febbraio, agenti del reparto Commerciale della Polizia Locale hanno sequestrato circa 230 pezzi di merce contraffatta in tre interventi: uno in via Montebello e due in via Indipendenza dove, dopo il primo sequestro, alcuni venditori avevano deciso di riposizionarsi. In particolare, un venditore […]

Condividi

0Shares





di GdR #Lopinione twitter@modenanewsgaia #Politica

 

Gli ambasciatori di Polonia e Ungheria, paesi amici e sodali dei partiti di Matteo Salvini e Meloni d’Italia  e cloni dell’idea di democrazia illiberale cara a Lega e Fratelli d’Italia, hanno posto il veto bloccando al Consiglio anche l’accordo raggiunto sul Bilancio Ue 2021-2027, e bloccando di fatto anche tutto l’iter sul Recovery Fund che riguarda da vicino anche l’Italia.

Sebastian Fischer, portavoce della presidenza di turno tedesca, ha dato un paio di versioni sulla questione, contrastanti. Nella prima, come scrive Repubblica“i due Stati membri hanno espresso la loro opposizione rispetto ad un elemento del pacchetto, (la condizionalità sullo stato di diritto, ) ma non sulla sostanza dell’accordo sul Bilancio”; nella seconda però ha dovuto dire che è stato impossibile procedere perchègli ambasciatori dei Paesi Ue “non sono riusciti a raggiungere l’unanimità necessaria per avviare la procedura scritta” sull’aumento del tetto alle risorse proprie “a causa delle riserve espresse da due Stati membri”. I compagnucci di democrazie illiberali di Lega e Fratelli d’Italia.

L’amico di Meloni, l’ultra-nazionalista Orbán aveva del resto già anticipato a Frau Merkel e al presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, che l’Ungheria  avrebbe posto il veto al bilancio pluriennale dell’Unione Unione europea e al fondo per la ripresa dalla pandemia. Non stupisce la scelta di Orbán le cui gesta sono note, stupiscono le alleanze dei due partiti italiani di estrema destra che scelgono alleanze con stati e partiti che di fatto bloccano le misure europee di cui l’Italia ha estremo bisogno, mentre in Italia gridano a squarciagola che il Governo e l’UE non fanno nulla.

In questo articolo di Repubblica il seguito della faccenda.

 

(16 novembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata





 

 

 

 




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: