Commemorazione dell’eccidio nazifascista di Navicello

Altre Notizie

Venerdì 10 è il Giorno del Ricordo

di Redazione Modena Venerdì 10 febbraio si celebra il Giorno del Ricordo dedicato alle vittime delle foibe e dell’esodo giuliano dalmata. Modena ha in programma una cerimonia commemorativa al monumento in pietra carsica in piazzale Natale Bruni, dedicato proprio ai Martiri delle foibe, mentre il “Comitato comunale per la storia e le memorie del Novecento”, […]

Giardini Ducali, rimessa a nuovo dei sentieri ghiaiati

di Redazione Modena Cantiere in corso ai Giardini Ducali di Modena per rimettere a nuovo i sentieri ghiaiati, riqualificando la viabilità agli ingressi e l’area intorno ai giochi. L’intervento, che rientra nell’ambito della manutenzione ordinaria del parco, è coordinato dal servizio di Manutenzione urbana del Comune e durerà circa due settimane. La riqualificazione riguarda in particolare […]

Attacco hacker, alzate le difese del Comune

di Redazione Modena In coincidenza con il massiccio attacco hacker rilevato dall’Agenzia per la cybersicurezza nazionale per diverse istituzioni, il Comune di Modena ha alzato il livello delle proprie difese dei sistemi informatici. Al momento non sono stati segnalati attacchi diretti, ma la struttura tecnica del Comune è in stato di allerta e sono state attivate […]

Condividi

di Redazione, #Antifascismo

Ha richiamato il dovere della memoria la sindaca di Nonantola Federica Nannetti intervenendo questa mattina, domenica 14 marzo, alla commemorazione dell’eccidio nazifascista del ponte del Navicello alla quale hanno partecipato anche i sindaci di Modena, Gian Carlo Muzzarelli, e Bomporto, Angelo Giovannini, insieme alle autorità e al presidente provinciale dell’Anpi Lucio Ferrari.

La cerimonia, organizzata senza la presenza del pubblico, con le modalità per il rispetto delle norme anti Covid, è stata promossa dai Comuni di Modena, Bomporto e Nonantola, insieme ai Comitati comunali permanenti per la memoria e le celebrazioni.

Dopo la deposizione di omaggi floreali al monumento ai Caduti partigiani, la sindaca di Nonantola è intervenuta ricordando la recente scomparsa di Aude Pacchioni (“la partigiana Mimma”), una donna di straordinario valore umano e poi richiamando uno a uno i nomi delle vittime dell’eccidio e salutando, nella diretta streaming, i loro familiari.

Foto: @ Serena Campanini

Il presidente dell’Anpi Ferrari ha ricordato il progetto “Testimone dei testimoni” che ha l’obiettivo di trovare nuove modalità per tenere viva la memoria dell’antifascismo e della Resistenza, cogliendone tutta l’attualità, anche di fronte alla scomparsa dei protagonisti di quel tempo.

La rappresaglia del ponte di Navicello, che vide la morte di 11 partigiani il 9 marzo 1945, fu compiuta per la scomparsa di due soldati tedeschi nella fase finale della guerra. Il comando tedesco, con la collaborazione della Brigata nera di Nonantola, organizzò prima un esteso rastrellamento e mise poi in atto la vendetta. Nella rappresaglia trovarono la morte Quinto Bozzali, Agostino Ferriani, Ivano Garuti, i fratelli Pietro e Valentino Gasparini, Renzo Grenzi, Huber Panza, Fabio Pellacani, Eugenio Tavoni, Ivaldo Vaccari (medaglia di bronzo al valor militare) e Angelo Zambelli.

 

(14 marzo 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata





 

 

 

 

 

 




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: