Commemorazione di Umberto Farri

Altre Notizie

Le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano

di Redazione Scandiano La mattina del 27 gennaio le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano. Prima della commemorazione ufficiale, il sindaco Matteo Nasciuti ha lucidato la pietra d’inciampo dedicata a Guglielmo Corradini, antifascista e partigiano scandianese deportato e ucciso a Mathausen, in piazza Spallanzani. Con lui anche un parente di Corradini, Luca Basenghi, con la figlia […]

La Rocca di Scandiano in rosa per onorare il Giro d’Italia

di Redazione Sport Mancano 100 giorni alla partenza del Giro d’Italia 2023, qualcuno in più alla prima storica partenza di tappa da Scandiano, il 16 maggio nella frazione che condurrà i ciclisti a Viareggio. Nella serata del 26 gennaio l’amministrazione comunale ha dato appuntamento davanti alla Rocca a tutte le ciclistiche scandianesi per dare ufficialmente il […]

Condividi

di Redazione #Casalgrande twitter@gaiaitaliacomER #Commemorazioni

 

In occasione della celebrazione dell’anniversario dell’attentato avvenuto il 26 agosto 1946, una delegazione dell’amministrazione comunale, nella mattinata del 24 agosto, alcuni garofani sulla tomba dell’ex primo cittadino Umberto Farri. La delegazione era composta dal sindaco Giuseppe Daviddi, dal presidente del Consiglio comunale Marco Cassinadri, dalla consigliera di Noi per Casalgrande Solange Baraldi, dal segretario Pd Paolo Debbi, dal capogruppo M5s Giorgio Bottazzi, dal capogruppo Pd Matteo Balestrazzi, da Alan Ferrari di Cambia Casalgrande e da alcuni rappresentanti di Sinistra per Casalgrande.

“E’ un gesto doveroso – ha sottolineato il sindaco Giuseppe Daviddi – compiuto a nome dell’intera cittadinanza che deve a Farri un grande tributo per ciò che egli ha dato a Casalgrande nei drammatici anni della dittatura fascista e durante il secondo conflitto mondiale”.

Farri, già sindaco dal 7 ottobre 1920 all’agosto del 1922, fu infatti nuovamente sindaco di Casalgrande, nominato dal Comitato Nazionale di Liberazione nel giugno del 1945 e riconfermato nelle successive elezioni democratiche fino al 26 agosto 1946, giorno in cui rimase vittima di un attentato. Si spense la notte tra il 27 ed il 28 agosto successivo all’Ospedale di Reggio Emilia per le mortali ferite infertegli.

 

(24 agosto 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 


 

 




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: