Concordato SGP, finisce una storia che non doveva neanche cominciare. Il punto di vista del PD di Sassuolo

di Redazione #Sassuolo twitter@sassuolnewsgaia #Politica

 

Salutiamo con favore la chiusura del concordato, ma siamo anche stupiti dal tono trionfalistico con cui il sindaco ha annunciato la chiusura del concordato. Un concordato che sana una situazione creata proprio dall’Amministrazione di cui Menani era vicesindaco. Ora davvero si chiude una brutta storia della nostra città, che non avrebbe mai dovuto neanche cominciare.

Ma siamo decisamente stupefatti di fronte alla soddisfazione manifestata da Caselli. Che rivendica con tanto orgoglio la paternità  del concordato. I cittadini sassolesi non hanno dimenticato gli anni della gestione  sua e dell’attuale sindaco, quando il mancato pagamento, da parte di SGP,  dei lavori e dei fornitori aveva completamente bloccato il sistema di manutenzioni della città, oltre che aver messo in crisi tante ditte che avevano lavorato per il comune.  Dopo aver portato SGP sull’ orlo del fallimento, perché la società non aveva i soldi, che il Comune doveva dargli, per pagare i fornitori e i lavori fatti,  è  così  senza vergogna da gloriarsi di aver chiesto il concordato!! Quando il suo dovere  era amministrare, far fare i lavori, pagare i debiti, visto che da sindaco doveva affrontare la situazione. Che invece ha fatto in modo che precipitasse, per poi presentarsi  ora come il  salvatore.

Ricordiamo che il  concordato, indispensabile a quel punto  per salvare il comune, ha comunque condizionato l’Amministrazione; il rispetto delle procedure imposte dal concordato ha indubbiamente ritardato, in questi anni, progettazioni e manutenzioni. Ora con i conti in ordine, che  la giunta Menani ha ereditato da Pistoni , i tanti finanziamenti statali di questo periodo,   i risparmi sui servizi comunali, a causa del covid 19,  ma soprattutto la sterilizzazione dei mutui 2020, per cui è stata dimezzata la rata  che il comune deve a SGP ( da 3.20.000 a 1.600.000)   hanno permesso di chiudere, con un mese di anticipo sul programma,  il concordato  con gli ultimi pagamenti ai  fornitori.  Siamo ovviamente contenti, per la città di Sassuolo, perchè a questo punto diventa più facile programmare e realizzare i lavori. Ma manca a questa giunta l’onestà intellettuale  di riconoscere che una buona parte  del merito va riconosciuto  a chi ha ha strutturato, non solo annunciato a parole, un concordato che stesse in piedi, cosa che si è verificata nei primi tempi della gestione Pistoni – Cavallini,  e a chi lo ha gestito  nei primi, difficilissimi anni. 

Ricordiamo però, ancora una volta, che SGP è il braccio operativo del comune. Perciò deve sempre seguire le procedure pubbliche di trasparenza per  gli incarichi, così come per  le gare di appalto. Cosa che l’Amministrazione precedente ha sempre chiesto a SGP. Non siamo sicuri che adesso questa trasparenza ci sia, e che sempre siano  rispettate le procedure che un soggetto a totale partecipazione pubblica, anche per opportunità politica, dovrebbe osservare.

Così un comunicato stampa del PD di Sassuolo giunto in redazione.

 

(28 novembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: