Matteo Renzi: “Noi votiamo la manovra, ma il Governo decida cosa vuol fare da grande”

Altre Notizie

Supporto alla genitorialità, a Bologna attivo un nuovo sportello di consulenza educativa anche per adolescenza e preadoloscenza

di Redazione Bologna È attivo da alcune settimane il nuovo sportello di consulenza educativa rivolto a genitori e adulti di riferimento di adolescenti e preadolescenti promosso da Asp Città di Bologna in collaborazione con il Comune. L’iniziativa, realizzata con il contributo per lo sviluppo e la qualificazione dei Centri per le famiglie e per le […]

Rapina in un supermercato a Bologna

di Redazione Bologna Nel pomeriggio dello scorso 5 dicembre 2022, l’equipaggio di Volante del Commissariato di San Giovanni in Persiceto ha eseguito l’arresto nei confronti di una donna straniera di circa 40 anni per una rapina avvenuta all’interno del supermercato IN’S sito alle porte di San Giovanni in Persiceto. La donna era stata sorpresa dal […]

Meloni è stanca delle “critiche alla manovra”, insomma con le critiche non ce la fanno

di Giovanna Di Rosa La presidente del Consiglio è “stanca delle critiche” alla manovra e trascina Palazzo Chigi sulla pericolosa soglia del come si permettono che è sempre un pessimo segno. Se ci sono critiche ci sono criticità evidentemente, dunque piuttosto che insofferenza sarebbe bene manifestare umiltà, perché chi la bicicletta se l’è cercata poi la bicicletta […]

Condividi




di Redazione #Politica twitter@gaiaitaliacom #ItaliaViva

 

E così dopo l’ennesima battaglia battagliata a parole ecco il nuovo “sì” dei renziani, responsabili, che non mandano a casa il governo, ma lo votano continuando con un sostegno battagliero sull’efficacia della cui comunicazione è lecito avere qualche dubbio.

Renzi ha tuonato. “Oggi diremo sì alla manovra, ma assegniamo al governo la volontà di decidere cosa vuole fare da grande, noi non saremo complici dello spreco di denaro, ora la palla passa al governo che va avanti solo se ha un progetto”, poi c’ha pensato Guseppe Conte a dire la sua in altra sede. Poi il leader di Italia Viva cita Aldo Moro: “Quando si dice la verità non bisogna dolersi di averla detta. La verità è sempre illuminante. Ci aiuta ad essere coraggiosi. Ci hanno etichettato come irresponsabili ma stavamo solo dicendo la verità, una verità che consegniamo al governo con le parole di Moro”. Amen.

Come ha detto qualcuno Renzi è un gatto e quando un gatto ha di fronte un topo, gioca. E sembra proprio, il gatto Renzi, aspettare il momento giusto per mangiare il topo. Per spaventare il gatto serve un leone, ma non ne vediamo. Segni zodiacali a parte.

Del resto Renzi non sbaglia quando dice che “il bicameralismo dobbiamo rispettarlo altrimenti distruggiamo la nostra credibilità, rischiamo di distruggere il Senato”. Ma il gatto sa sempre quando smettere di cacciare e tornare a dormire. Orecchie dritte.

E il resto è cronaca. Non politica, purtroppo, solo cronaca quotidiana di un governo che si autoincensa, di una maggioranza che chi con le molotov, chi con la persuasione, sgancia una bomba al giorno. E il paese è sull’orlo del baratro, giocherellare non si può più. e ci sono così tanti soldi all’orizzonte che potrebbero davvero cambiare la faccia dell’Italia. Che sia una bella faccia o no dipende da come si useranno.

Si ha la sensazione che in questa classe politica incolta, raffazzonata, impreparata e troppo cialtrona per quel che dice di volere, ci sia la tendenza a pensare che le cose si risolveranno semplicemente perché loro sono lì. Rischiosissimo.

 

(30 dicembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: