Metti che solo il 30% degli Italiani vada a votare ai referendum….

Altre Notizie

Supporto alla genitorialità, a Bologna attivo un nuovo sportello di consulenza educativa anche per adolescenza e preadoloscenza

di Redazione Bologna È attivo da alcune settimane il nuovo sportello di consulenza educativa rivolto a genitori e adulti di riferimento di adolescenti e preadolescenti promosso da Asp Città di Bologna in collaborazione con il Comune. L’iniziativa, realizzata con il contributo per lo sviluppo e la qualificazione dei Centri per le famiglie e per le […]

Rapina in un supermercato a Bologna

di Redazione Bologna Nel pomeriggio dello scorso 5 dicembre 2022, l’equipaggio di Volante del Commissariato di San Giovanni in Persiceto ha eseguito l’arresto nei confronti di una donna straniera di circa 40 anni per una rapina avvenuta all’interno del supermercato IN’S sito alle porte di San Giovanni in Persiceto. La donna era stata sorpresa dal […]

Meloni è stanca delle “critiche alla manovra”, insomma con le critiche non ce la fanno

di Giovanna Di Rosa La presidente del Consiglio è “stanca delle critiche” alla manovra e trascina Palazzo Chigi sulla pericolosa soglia del come si permettono che è sempre un pessimo segno. Se ci sono critiche ci sono criticità evidentemente, dunque piuttosto che insofferenza sarebbe bene manifestare umiltà, perché chi la bicicletta se l’è cercata poi la bicicletta […]

Condividi

di Daniele Santi

Se come recita un sondaggio Demopolis di circa un mese fa soltanto il 30% degli Italiani avesse deciso per il voto ai referendum sulla giustizia, e il 56% decidesse di astenersi così come riportato dallo stesso sondaggio, ecco che si aprirebbero politicamente abissi inaspettati a coloro che contro ogni forma di buonsenso hanno deciso di promuovere cinque quesiti dei quali agli Italiani non importa nulla.

Risulta evidente che coloro che si sono presi la briga di buttare soldi dei contribuenti dalla finestra per cinque quesiti che verranno ignorati dalla stragrande maggioranza dei votanti, ammesso che vengano realmente ignorati da quella stragrande maggioranza, dovranno trarne le dovute conseguenze e se non lo faranno in prima persona qualcuno lo farà per loro.

Se fossimo un paese normale anche tutti coloro che hanno cavalcato il carro perdente ovvero del perdente dovrebbero trarre le loro conseguenze, questo se fossimo un paese normale, ma è certo che anche se il 13 giugno dovessero fare i conti con risultati tutt’altro che positivi, come successo negli ultimi due anni, persino loro dovrebbero pensare a fare i conti coi numeri invece che inventarsi una realtà parallela che non esiste se non nelle loro strategie illiberali.

 

 

(10 giugno 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: