Non ha ancora fatto il partito e già lo danno al 3,4%… O sono dei geni o sono dell’altro

Altre Notizie

Le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano

di Redazione Scandiano La mattina del 27 gennaio le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano. Prima della commemorazione ufficiale, il sindaco Matteo Nasciuti ha lucidato la pietra d’inciampo dedicata a Guglielmo Corradini, antifascista e partigiano scandianese deportato e ucciso a Mathausen, in piazza Spallanzani. Con lui anche un parente di Corradini, Luca Basenghi, con la figlia […]

La Rocca di Scandiano in rosa per onorare il Giro d’Italia

di Redazione Sport Mancano 100 giorni alla partenza del Giro d’Italia 2023, qualcuno in più alla prima storica partenza di tappa da Scandiano, il 16 maggio nella frazione che condurrà i ciclisti a Viareggio. Nella serata del 26 gennaio l’amministrazione comunale ha dato appuntamento davanti alla Rocca a tutte le ciclistiche scandianesi per dare ufficialmente il […]

Condividi

di Daniele Santi #MatteoRenzi twitter@gaiaitaliacom #Politica

 

Non ha nemmeno fatto in tempo a dire “Me ne vado” che, oltre agli insulti di amici, nemici, avversari, e tessere numero uno del PD direttori di testata (ed ex direttori) inclusi, si sono scatenati i sondaggisti: il partito di Renzi vale il 3,4% e toglie il 2,8% al PD gridano tutti.

In realtà più che gridarlo lo statisticano con sondaggi: uno di EMG per Agorà ripreso da Repubblica, vede la Lega al 33,1% in calo, il PD che perde 2,8% al 20,2% e il M5S al 18,5%, con tutti gli altri a scalare – Fratelli d’Italia e Forza Italia attorno al 7% e, finalmente, il partito di Matteo Renzi al 3,4%.

Sono intenzioni, o meglio sarebbero, intenzioni di voto che fanno pur lavoro, audience e vengono richieste dai programmi televisivi per veicolare al meglio le teorie delle quali sono portatori conduttori, reti e produzioni, perché in questo paese ogni respiro è una testata giornalistica, ogni testata giornalistica è un partito politico, ogni conduttore un capo di governo.

Come andranno davvero le cose col nuovo partito di Renzi, o meglio come potranno andare le cose col nuovo partito di Renzi, lo capiremo solo dopo la Leopolda di ottobre quando si vedrà chiaramente di che spina dorsale è dotato il progetto politico, di quali idee, e quali forze. E si capirà infine, last but not least, quale capacità di svuotamento delle altre forze politiche il partito di Renzi sarà capace.

Nel frattempo, qui lo dico e qui lo nego, occhio ai movimenti del PD. I pericoli per il governo non vengono da Renzi, vengono dal PD.

 

 

(19 settembre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 


 

 

 

 

 

 





 

 

 




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: