10.7 C
Sassuolo
11.1 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità

CRONACA

Pubblicità

FIORANO MODENESE

Libri per la scuola di arabo di Fiorano Modenese

Donati dal Rotary di Sassuolo per i 70 studenti dell’attività didattica portata avanti dall’associazione “L’alba degli angeli”, provenienti da tutto il distretto ceramico [....]

Il mistero del liceo classico

EMILIA-ROMAGNA

HomeCopertinaQuelli che “per il Terzo Polo” si aprivano “sterminate praterie”….

Quelli che “per il Terzo Polo” si aprivano “sterminate praterie”….

di Daniele Santi

Ecco di nuovo l’opinione personale eletta a previsione politica il cui risultato è sempre una figuraccia. Come se non bastasse Carlo Calenda che dopo essere stato “liberale” aveva capito che “il liberismo era un errore” e si sentiva “di sinistra” salvo tornare oggi, dopo avere sbattuto la porta sulla formazione del partito unico che non esisteva, non aveva elettori e però aveva un nome, al desiderio di formare “un Partito Liberale”.

A cosa si gioca dalle vostre parti? Così, cavallerescamente, Italia Viva ricorda a Matteo Richetti che senza la Leopolda lui non sarebbe entrato in Parlamento è lo stesso Richetti  a chiedere a Matteo Renzi di rinunciare alla direzione editoriale de Il Riformista (si è già scelto il direttore responsabile, ma stiamo scherzando?) per ripartire da zero col progetto terzopolista. Poi appare a La7 ed è tutta una conciliazione parlando di Leopolde, di legittimità di Leopolde e di giuste posizioni di Italia Viva sui progetti del partito di Renzi fino al 2024. Poi si sussurra di soldi, altri soldi, elezioni europee. Insomma, la politica, il progetto politico dov’era? Questo non lo dice nemmeno Matteo Richetti. E un po’ dispiace.

 

(13 aprile 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



LEGGI ANCHE